Gabriella muore a 58 anni a Jesi, il figlio: «Hai lottato da guerriera contro il virus» | | Password Magazine

Gabriella muore a 58 anni a Jesi, il figlio: «Hai lottato da guerriera contro il virus»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CINGOLI – Non ce l’ha fatta Gabriella Angelucci, 58 anni, prima contagiata a Cingoli da Coronavirus. La donna era stata ricoverata due settimane fa all’ospedale Carlo Urbani di Jesi, le sue condizioni però nelle ultime ore erano peggiorate.
La donna era dipendente nell’azienda Fileni. Era in salute. A inizio febbraio era stata costretta ad assentarsi da lavoro giusto per un’operazione ai tendini a Torrette. Poi lo scorso 3 marzo, Gabriella è stata ricoverata a Jesi, in terapia intensiva, per gravi problemi respiratori: effettuato il tampone, la donna è risultata positiva al Covid-19. Da qui è scattato l’isolamento, senza che i suoi due figli e familiari potessero assisterla. Le sue condizioni all’inizio erano migliorate ma poi c’è stato un improvviso peggioramento che non le ha lasciato scampo. Ieri il cuore di Gabriella ha smesso di battere.

Straziante la lettera del figlio, pubblicata sui social. Un grido di dolore per dire addio alla sua mamma:

«Ciao Mamma, hai lottato i tuoi ultimi 14 giorni in un letto di ospedale di terapia intensiva, sedata, intubata, attaccata ad una macchina che ti faceva respirare. Hai lottato più che potevi contro questo virus maledetto, che ci ha costretto tutti a cambiare le nostre abitudini quotidiane. Hai lottato, come hai sempre fatto, sì. Eri piccola, ma eri forte, chi ti conosce sa quante ne abbiamo superate, quante disavventure la vita ti ha messo davanti. Nonostante tutto il tuo sorriso non lo negavi a nessuno, anche se non c’era proprio nulla da ridere.. Hai vissuto da Guerriera!
Te ne sei andata senza che potessimo vederti o abbracciarti, senza poterti stringere la mano o darti un bacio in fronte. Sola.. in quel letto di ospedale! Non meritavi nulla di tutto quello che ti è successo. Non meritavi nemmeno di avere una celebrazione funebre come quella che avrai. Tutto questo ci rattrista ancor di più. Ciao Mia Adorata Guerriera Ciao Mamma, ti amo».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.