Il Verdicchio Torditura Moncaro sulla tavola dei Premi Nobel | | Password Magazine

Il Verdicchio Torditura Moncaro sulla tavola dei Premi Nobel

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MONTECAROTTO – Il Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Passito Torditura prodotto dall’azienda Terre Cortesi Moncaro finisce sul tavolo dei Nobel.

È stato selezionato tra le migliori etichette del mondo per la cena di gala che si svolge, come ogni anno, il 10 dicembre a Stoccolma, nei saloni del Municipio. Servito dopo la consegna dei premi e l’esibizione di Patti Smith, il Verdicchio Torditura ha accompagnato il desserte preparato da Daniel Ross, il pasticcere svedese che da anni viene assoldato per l’ultima portata della cena in onore dei vincitori del premio Nobel. Menù e lista dei vini restano segreti fino all’inizio della cena. Tra i 1450 selezionatissimi invitati ci sono i membri della famiglia reale svedese, capi di Stato e ovviamente i premiati. “Le nostre bottiglie alla cena dei Nobel – dice Doriano Marchetti, presidente della coop – fanno onore all’intera produzione di vino delle Marche e dell’Italia”.

Terre Cortesi Moncaro è un’azienda che raggruppa più di mille viticoltori e fattura circa 25 milioni di euro. Una coop con la sede storica di Montecarotto (An), due stabilimenti rispettivamente a Camerano (An), alle pendici del Monte Conero e ad Acquaviva (Ap), 1.300 ettari di viti, sotto la guida degli enologi Giuliano D’Ignazi e Riccardo Cotarella.

Il Tordiruta, con il suo colore d’oro antico, viene prodotto da uve raccolte a maturazione tardiva selezionando i grappoli migliori. L’appassimento sui graticci dura 3 mesi, l’affinamento due anni, uno in barrique, l’altro in bottiglia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.