IOM, attivato il servizio di Psiconcologia: rete di solidarietà a sostegno dei malati

JESI –  Quando si tratta di malattia oncologica, l’impegno per cercare di attenuare le sofferenze di chi affronta quotidianamente la battaglia per la vita non è mai abbastanza. Lo sa bene IOM Jesi e Vallesina, la onlus che ha lo scopo di assistere, gratuitamente, a domicilio i pazienti oncologici.
Nel corso degli anni, grazie alla sensibilità e alla forte motivazione della presidente Anna Maria Quaglieri, affiancata da Maria Luisa e da tutti i volontari e collaboratori,  lo IOM ha potenziato le sue risorse per rispondere in maniera sempre più efficiente alle richieste e bisogni del malato e della sua famiglia.  «Ogni volta che raggiungiamo un obiettivo, ci accorgiamo che ancora non è sufficiente: c’è sempre qualcosa in più da aggiungere – fa sapere la presidente Quaglieri –  Questa malattia, che sempre più diffusamente colpisce i giovani, è qualcosa che non soltanto si abbatte sulla persona ma che penetra e sconvolge l’intera famiglia». Nasce così un nuovo servizio, individuato da IOM e reso possibile grazie alla generosità e alla sensibilità di alcune aziende sul territorio: all’interno di oncologia, ad offrire assistenza e sostegno ai malati e ai familiari, ci sarà una nuova figura, la psiconcologa. «L’aiuto deve essere non solo in casa ma anche in ospedale, quando il paziente affronta il ricovero e le prime chemio – spiega la Quaglieri – Un’attenzione particolare è rivolta ai bambini, chiamati ad affrontare la malattia di un genitore o in prima persona: per questo abbiamo investito in corsi di specializzazione cosicché il nostro personale di assistenza psicologica sia adeguatamente preparato ad essere di supporto ai  più piccoli».

La rete di solidarietà è costituita da cinque aziende che, per due anni, finanzieranno il servizio di Psiconcologia e il lavoro svolto dalla dottoressa Michela Novelli. Si tratta di Paradisi srl, Marmo Meccanica spa, Euro Stampi srl, Cooperlat s.c.a., Co.pam srl. 

Stamattina il servizio è stato reso noto alla stampa, all’interno della sala consiliare. Il vice sindaco Luca Butini ha detto: «Come non si può non apprezzare gli sforzi di chi cerca di rendere più vivibile questa malattia? L’assistenza psicologica, la vicinanza emotiva a chi soffre, è il dono che le splendide persone intorno a questo tavolo fanno alla comunità».
Oltre alla presidente Anna Maria Quaglieri, presenti anche Maria Luisa Quaglieri, oggi non nei panni di assessore alla Sanità ma come direttrice dello IOM, insieme alla  psicologa Lucilla Garofoli. In rappresentanza delle aziende: Tiziana Paradisi (Paradisi srl), Fabio Fantini (Euro Stampi srl), Stefania Lampacrescia (Cooperlat s.c.a.), Avenali Bianchi Amorveno (Co.Pam srl).

All’occasione, lo IOM ha rinnovato l’invito a prendere parte sabato prossimo alle ore 18.15 alla Messa per i Defunti, presso il Duomo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*