La Fede ai tempi del Coronavirus, il vescovo lancia la preghiera in streaming | | Password Magazine

La Fede ai tempi del Coronavirus, il vescovo lancia la preghiera in streaming

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Il Coronavirus ha sospeso le cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri. Lo ha reso noto il Vescovo di Jesi, Don Gerardo Rocconi, tramite un comunicato stampa, a seguito del Decreto del Presidente del Consiglio dell’8 marzo, relativa all’apertura dei luoghi di culto, condizionata dall’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro.

Nel comunicato, si legge dunque: «Sono pertanto sospese, fino a venerdì 3 Aprile, tutte le celebrazioni di Sante Messe e altri incontri di preghiera con partecipazione di popolo. Le chiese restano aperte per la preghiera personale.

Si chiede ai fedeli di mantenere le distanze dovute. Non si celebrano funerali in Chiesa. Al cimitero il Sacerdote faccia le esequie senza Messa con la partecipazione di un numero ristretto di parenti. Ovviamente chiedo ai sacerdoti di celebrare quotidianamente in forma privata.

Si suonino le campane per ricordare ai fedeli la necessità di pregare. I membri delle comunità religiose, in quanto unica famiglia, celebrino la S. Messa nella loro cappella, senza aprire ad altri fedeli.

In questo momento di grave preoccupazione a causa del coronavirus pregherò privatamente il Rosario e la Supplica a Maria Santissima al Santuario delle Grazie di Jesi nei sabati 14, 21 e 28 Marzo alle 19. Domenica 15, 22 e 29 Marzo alle 9,30 proporrò un commento al Vangelo del giorno.

Vi invito a unirvi spiritualmente e, chi può, a collegarsi via internet al canale youtube Voce Vallesina oppure alla pagina Facebook dell’Ufficio Liturgico Diocesano.

Un modo sicuramente diverso per interagire con i fedeli, ma il più consono in questo periodo di emergenza sanitaria, che richiede il rispetto delle indicazioni fornite dal Governo, da parte di tutti noi».

A cura di Giovanna Borrelli 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.