Sanità, Melappioni: "Politica jesina poco incisiva in Regione". Bacci: "Accuse gravissime se vere"

JESI – Augusto Melappioni, ex candidato sindaco del PD alle  ultime Amministrative, rompe il silenzio mediatico di questi ultimi anni e, da politico e medico, interviene sui social sulla questione sanità. “Alcuni giorni fa ho saputo, per caso, della forte riduzione dei medici al Pronto soccorso di Jesi – scrive su Facebook –  Ho contattato in vari modi (Fabio) Sturani, responsabile della Segreteria del Presidente Giunta regionale, il direttore Area Vasta 2 (Maurizio) Bevilacqua, il consigliere regionale (Enzo) Giancarli, il sindaco di Jesi (Massimo) Bacci. Dalle risposte, tranne Bevilacqua, tutti hanno assicurato il massimo impegno per risolvere il problema. Ma tutto tace e sembra non cambi nulla”. Dopo aver puntualizzato che al Pronto Soccorso di Jesi si passerà da 13 a 8 medici, si pone un interrogativo: “Non è che la politica jesina non ha nessuna capacità di incidere in Regione ? Prima tante risorse sanitarie a Fabriano ora tutto a Senigallia…”.

Il dubbio di Melappioni lascerebbe spazio a poche interpretazioni: Fabriano prima era la città che aveva dato i natali all’ormai ex presidente regionale Gian Mario Spacca e che ora – come allora –  è amministrata dal centrosinistra così come Senigallia.

Una riflessione che porterebbe a pensare non tanto che la politica jesina sia poco “incisiva” a livello regionale quanto piuttosto che la Regione preferisca favorire e operare a vantaggio delle città che abbiano lo stesso colore politico di maggioranza. E il sindaco Massimo Bacci coglie subito il punto e non tarda nella risposta: “Se Melappioni lascia passare il messaggio che la politica della maggioranza che amministra la Regione Marche è tesa a rispondere a logiche interne di partito, sulla base della rappresentatività, piuttosto che agli interessi generali di tutti i cittadini, lancia una accusa pesantissima contro il suo stesso partito, il Pd, che davvero, se trovasse riscontro, sarebbe di una gravità inaudita e rispetto alla quale mi auguro che vi sia una presa di posizione netta e chiara da parte di coloro che sono stati chiamati in causa – fa sapere tramite nota stampa il Primo cittadino – È vero che Melappioni mi ha correttamente chiamato per mettermi al corrente della forte riduzione dei medici al Pronto soccorso di cui per altro ero venuto a conoscenza nelle stesse ore. L’ho ringraziato e mi sono  attivato nell’unico modo che è possibile per un Sindaco: rivolgersi alla direzione dell’Area Vasta e sollecitare una positiva soluzione, visto che si tratta di un problema di tipo gestionale-amministrativo la cui competenza è dell’Asur regionale e, in particolare, dell’Area Vasta. Questi sono i fatti da cui attendo un riscontro concreto”. E conclude: “Da parte mia posso solo aggiungere che oggi Jesi è l’unico Comune che si trova ad avere un ospedale completato e questo risultato si è concretizzato sotto questa Amministrazione che, pronta a qualsiasi confronto pubblico con chi lo mette in dubbio, ha profondamente inciso affinché si arrivasse immediatamente al termine dei lavori dopo anni in cui il cantiere del Carlo Urbani sembrava procedere stancamente”.
(Chi.Ca.)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*