Senigallia, comitato 'Facciamo Eco': «Nessuna voce per la città e il suo ospedale» | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Senigallia, comitato ‘Facciamo Eco’: «Nessuna voce per la città e il suo ospedale»

SENIGALLIA –  «A un mese esatto dalla trasformazione dell’Ospedale di Senigallia in Ospedale COVID, nonostante le accorate richieste di chiarificazioni da parte della cittadinanza, nessuna voce istituzionale si è ad oggi alzata per raccogliere la preoccupazione dei tanti». A parlare è il comitato Facciamo Eco:

«Le strutture sanitarie dell’Ospedale, ma anche del territorio (RSA, Case di Riposo, Medici di Famiglia) lottano tra mancanza di mascherine e dispositivi di protezione, edifici non idonei alla cura dei malati, infezione da Coronavirus che ha colpito decine di medici, infermieri e personale sanitario, ora allontanati e rinchiusi in casa. Che cos’ è emergenza sanitaria e sociale se non questa che stiamo vivendo? I flebili comunicati dell’assessore alla sanità comunale Girolametti, che qui richiamiamo per la dignità almeno della risposta, non possono essere sufficienti. Abbiamo bisogno di capire perché, dopo un mese di emergenza, ancora non giunge nessuna voce da chi dovrebbe rappresentare la sanità pubblica: il sindaco Mangialardi (ancora in carica) e il dottor Volpini (che ha la presidenza della IV Commissione sanità in consiglio regionale).

Avremmo pensato che, di fronte a uno tsunami di questa portata globale come quello del COVID, si sarebbero contesi le prime pagine, dimostrandosi meritevoli rappresentanti, in grado di conoscere le necessità della popolazione, ponendosi a guida di un Progetto per prevenire e contenere i danni e preparare la cosiddetta fase due.

Sulla stampa locale leggiamo di Sindaci dei territori vicini, che urlano battendo i pugni sul tavolo, per far sentire la voce dei cittadini attraverso la propria: autorità istituzionali che si ergono a difesa delle realtà loro affidate, per il ruolo che loro compete, come responsabili della sanità pubblica del proprio Comune.

Questo è un Sindaco, di nome e di fatto.

Ne sono esempio Bacci, sindaco di Jesi, che grazie all’ospedale da campo della Marina Militare scrive al Presidente Ceriscioli chiedendo di “avviare il ritorno alla normalità, di liberare posti per permettere al Carlo Urbani di poter lentamente tornare ad erogare i propri servizi”, e ancora Ciarapica, sindaco di Civitanova “che chiede con forza garanzie alla Regione affinché il proprio Ospedale ritorni al ruolo originario, non accettando che la sua Città si trasformi in un unico centro Covid in modo permanente».

E a Senigallia? Quale Sindaco si batte per i cittadini?

– Nessuna informazione trapela dagli organi istituzionali sul reale stato delle cose.

– Vengono emessi di tanto in tanto messaggi di elogio nei confronti di spontanee e lodevoli iniziative dei cittadini.

– Continuano gli scontati e generici (quanto vuoti) comunicati del tipo “restiamo uniti e ce la faremo”.

No invece! Senza una guida autorevole nel momento di crisi NON ce la potremo fare.

Non ce la farà l’Ospedale né il territorio a conservare o potenziare le proprie competenze sanitarie.

Non ce la farà l’economia delle imprese e del turismo locale, azzerato e con una ripresa che si allontana.

La conclusione della disanima dei fatti resta, tristemente, una sola:

Senigallia: un Ospedale e una Città orfana, senza voce, senza un Sindaco».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.