Sport all'aria aperta: ecco le aree verdi adibite allo sport organizzato | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Sport all’aria aperta: ecco le aree verdi adibite allo sport organizzato

JESI- «Lo sport che unisce e non disgrega», soprattutto a seguito di una situazione di emergenza: questo il concetto alla base del progetto di Comune di Jesi e Consulta per lo Sport.

Per il periodo estivo, e fino a data di destinarsi, per le società sportive jesine è concesso l’utilizzo dei parchi pubblici per consentire il proseguimento delle attività sportive organizzate.

Dopo uno stop di quasi 3 mesi, a fronte di una stagione estiva che prevede pochi spostamenti per le vacanze per famiglie, e soprattutto per ragazzi e adolescenti, la sinergia tra l’Ufficio Sport del Comune di Jesi e Consulta per lo sport si dimostra una soluzione per ristabilire un punto di contatto tra associazioni sportive e iscritti.

WhatsApp Image 2020-06-05 at 14.06.27-4

Attualmente sono circa 25 le società sportive che hanno fatto domanda per occupare, in fasce orarie specifiche, i parchi e gli spazi pubblici comunali. Troveremo quindi presto le seguenti discipline sportive in questi parchi:

  • Danza, Hip Hop, Pilates, Yoga al Parco del Ventaglio;
  • Corpo Libero Funzionale e Arti Marziali al Parco Esedra;
  • Tai Chi, Qi Gong, Pattinaggio Artistico e Pugilato ai Giardini Pubblici, lato monumento;
  • Danza al Parco di Via Abruzzetti;
  • Pugilato, Judo, Ginnastica artistica e ritmica, Ginnastica per la terza età, Qi Gong e Pratiche Meditative all’Area Verde del Palasport “E. Triccoli” di Via Tabano;
  • Basket e Scherma al Polisportivo di Viale M.L. King;
  • Yoga al Parco del Canocchiale;
  • Pugilato e Danza al Campo Boario;
  • Ginnastica artistica e ritmica al Parco Manzoni;
  • Basket ai Campi da Basket di Via Fausto Coppi e Via Jugoslavia;
  • Pallavolo e Taekwondo  al Campo Polivalente di Via Leopardi.

Ci saranno poi altri parchi che potranno essere integrati all’iniziativa «Lo sport si sposta al parco»: mancano infatti all’appello, ad esempio, Parco del Vallato e Parco Mattei.

«Questa è la prospettiva per una nuova dimensione di sport, un primo passo verso una nuova visione di sport. Molte altre associazioni sportive stanno facendo domanda per popolare spazi pubblici, ed invogliare e coinvolgere chiunque abiti quelle zone o passi di lì»spiega Nicola Bisi, Presidente della Consulta dello Sport.

«Lo sport diventa sia tessuto connettivo per la dimensione fisica, ma anche per quella sociale, come una lunga Notte Azzurra. Così la prospettiva non è più quello di una limitazione rispetto ai tempi precedenti, ma diventa risorsa, diventa integrazione» commenta l’Assessore allo Sport Ugo Coltorti.

Ricordiamo che è possibile ancora ad oggi fare domanda per disporre di un’area verde per le società sportive che non lo hanno ancora richiesto.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.