Approvata in Consiglio l’imposta di soggiorno: entrerà in vigore il 1° aprile 2018

JESI – Approvata dal Consiglio comunale l’imposta di soggiorno che riguarderà le strutture ricettive della città. La tassa ricadrà dunque su turisti e non residenti e il gettito che ne trarrà il Comune sarà destinato ad iniziative favore del turismo, manutenzione, fruizione e recupero dei beni ambientali e culturali, nonché a servizi pubblici locali.

L’imposta entrerà in vigore a partire dal 1° aprile 2018: si pagherà 2 euro al giorno a persona nelle strutture ricettive alberghiere a 4 Stelle e di categoria superiore; 1,50 in quelle da 3 a 1 stella; 1 euro nelle altre tipologie di strutture.

Esenti i minori di sedici anni, coloro che assistono i degenti ricoverati presso strutture sanitarie, (fino ad un massimo ad accompagnatore), volontari che prestano servizio in caso di calamità, studenti non residenti, soggetti che alloggiano nelle strutture a seguito di provvedimenti per fronteggiare situazioni sociali, di carattere calamitoso, di soccorso umanitario.

Grazie ad un emendamento ulteriormente approvato in sede di Consiglio comunale, saranno esenti anche disabili non autosufficienti, con idonea certificazione medica e loro accompagnatore.

L’imposta è stata messa ai voti e approvata in aula con 14 voti favorevoli e 7 contrari (21 consiglieri presenti in aula). Hanno espresso contrarietà gli esponenti di Jesi In Comune – Laboratorio Sinistra, Pd e Movimento 5 Stelle.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*