Banda Musicale Pergolesi, vivaio di talenti: "La tradizione deve continuare" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Banda Musicale Pergolesi, vivaio di talenti: “La tradizione deve continuare”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Anche quest’anno, la Banda “Giovan Battista Pergolesi – Città di Jesi” apre le iscrizioni alla sua scuola di musica.

Recentemente, presso la biblioteca dell’Istituto “Cuppari” di Jesi è stato ritrovato un documento in cui si attesta che già nel 1850 a Jesi operava la Banda musicale cittadina. Nel documento sono riportati i nomi di tutti i componenti dell’epoca. Quindi almeno undici anni prima dell’Unità d’Italia, la Banda di Jesi era un’istituzione viva ed operante. Da allora, con brevi interruzioni principalmente in corrispondenza delle due Guerre mondiali, la Banda ha sempre accompagnato le solennità istituzionali cittadine ed offerto alla cittadinanza concerti nelle ricorrenze più importanti, tra le quali San Settimio e Capodanno, con il tradizionale appuntamento al Teatro Pergolesi.

La sua scuola di musica ha formato tanti ragazzi, molti dei quali hanno anche intrapreso la carriera di musicisti. L’elenco – che comprende anche il maestro Giancarlo Aquilanti – sarebbe lungo, ma in rappresentanza di tutti gli altri ne citiamo solo due: Sergio Bosi, diplomatosi in Clarinetto con il massimo di voti e lode al Conservatorio “Rossini” di Pesaro all’età di sedici anni, insegnante in Conservatorio fin dal 1982, apprezzato concertista di fama internazionale e Massimo Gianangeli, diplomatosi in Trombone anche lui al Conservatorio “Rossini” di Pesaro e Professore d’orchestra fin dall’età di diciannove anni, attualmente docente presso il Conservatorio “Paganini” di Genova e collaboratore stabile di prestigiose orchestre tra le quali l’Arena di Verona e la Toscanini di Parma.

“La banda è un vivaio di giovani talenti, un luogo in cui fare aggregazione e conoscersi attraverso la musica – puntualizza il presidente Francesco Golia – Attualmente siamo una ventina di elementi ma puntiamo a crescere: servono nuove leve affinché la banda cittadina non muoia, garantendo il ricambio generazionale”.

In questo anno scolastico, i docenti sono per ora tre. David Uncini, diplomato in Tromba, curerà gli ottoni. È un giovane musicista che opera prevalentemente in campo jazzistico ed è anche l’attuale Maestro Direttore della Banda di Jesi. Alessio Santoni, che si diplomerà tra pochi mesi, curerà la Batteria e gli altri strumenti a percussione. Francesco Piccioni, che è anche vice presidente, diplomato in Clarinetto e Musicologia insegnerà Sassofono e Clarinetto.

Essendo una scuola pubblica non avente fini di lucro, la scuola della Banda di Jesi persegue una politica di prezzi accessibili a tutti, pur mantenendo una rigida selezione del corpo insegnante e un livello d’insegnamento non certo inferiore a quello delle altre scuole operanti nel territorio. Per consentire a tutti di sperimentare la qualità dei corsi e la modalità di lavoro, nel primo mese le lezioni saranno gratuite: “La banda è della città e tutte le attività sono a scopo di volontariato – è il parere del Direttivo –   I docenti sono qualificati, come nelle altre scuole di musica, e nell’insegnamento mettiamo tanta passione. Un’istituzione questa che non può morire”.

Da quest’anno, c’è stata una revisione della pianificazione annuale dei corsi e degli obiettivi da conseguire nei vari periodi. Verrà siglato un patto di corresponsabilità con le famiglie degli allievi minorenni in modo che anche i genitori, oltre agli allievi, siano al corrente fin dall’inizio del percorso che i loro figli intraprendono e degli obiettivi di breve e lungo termine che ci si propone di raggiungere. I genitori saranno periodicamente tenuti informati degli obiettivi conseguiti e dei progressi riscontrati. Per coloro che completano il percorso di base c’è poi la possibilità di proseguire in un percorso di perfezionamento costruito individualmente su obiettivi concordati tra insegnante e allievo. Ognuno ha così la possibilità di scegliere dove arrivare, in che modo e con quali tempi. Le lezioni, come sempre, saranno individuali e della durata di un’ora. Accanto alle lezioni individuali ci saranno regolarmente momenti di musica d’insieme in piccoli gruppi e poi, appena il livello raggiunto lo consentirà, un graduale inserimento in banda.

“Imparare la musica, condividerla con gli altri, entrare a far parte a pieno titolo di un’istituzione che ha superato abbondantemente il secolo e mezzo di vita e si sente ben lontana dal mettere la parola “fine” al suo percorso: questa è la nostra scuola”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.