Caritas in prima linea nell'emergenza: «Più famiglie in difficoltà» | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Caritas in prima linea nell’emergenza: «Più famiglie in difficoltà»

JESI – Tempo di bilanci alla Caritas dopo l’emergenza sanitaria. Si fa i conti con una povertà che incalza sempre più, con la domanda che cresce e la pronta risposta che il centro servizi di via Papa Giovanni XXIII è riuscito e riesce ogni giorno a dare alle famiglie bisognose. Dalle 68 famiglie già assistite se ne sono aggiunte altre 75 in più in seguito al covid: sono stranieri ma sopratutto italiani che hanno perso il lavoro nel periodo di lockdown. «In questo periodo così difficile i nostri servizi principali che hanno sede in via Papa Giovanni XXIII sono rimasti sempre attivi – ha spiegato il direttore Marco D’Aurizio -. La mensa, pur evitando l’ingresso degli ospiti, ha continuato a distribuire circa 80 pasti al giorno attraverso l’asporto e anche l’emporio solidale si è organizzato portando all’esterno i beni di prima necessità richiesti via Whatsapp o tramite mail dalle famiglie, oppure consegnando i beni a domicilio, spesso con il prezioso aiuto dei nostri volontari o avvalendosi della collaborazione della Croce Verde di Jesi e della Croce Rossa». Anche altri servizi sono rimasti sempre operativi: il centro di ascolto, seppur in via telefonica, e l’ambulatorio medico. «Anche il nostro centro accoglienza insieme alla Casa delle Genti  – spiega l’operatore e responsabile comunicazione Matteo Donati –  sono rimaste operative 24 ore su 24.  É bene poi poi sottolineare che il 60% delle chiamate ricevute sono arrivate da persone che si rivolgevano a Caritas per la prima volta. Le richieste hanno riguardato sopratutto l’esigenza di cibo o di orientamento ai servizi». Lo confermano anche le operatrici Letizia Taccaliti, referente Emporio, e Mariangela Boiani, referente servizio civile: «Uno dei progetti che hanno avuto maggiore successo – dicono – è Spesa Sospesa, che ha coinvolto una decina di supermercati e reti di associazioni di volontariato. Importanti poi le donazioni di aziende e privati, grazie anche al Comune di Jesi ed Asp Ambito IX che hanno spinto e sostenuto ogni donazione». Gli operatori che hanno lavorato in questo periodo hanno dovuto raddoppiare gli sforzi, anche per attenersi al rispetto delle norme anticontagio. In questo contesto si inserisce anche il progetto AiutachiAiuta, un percorso di formazione on line rivolto a dirigenti, operatori e volontari delle Caritas diocesane e parrocchiali delle Marche.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.