City Post: presentati i progetti creativi che tappezzeranno la città | | Password Magazine
Festival Pergolesi

City Post: presentati i progetti creativi che tappezzeranno la città

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Presentati oggi i progetti creativi approvati attraverso l’iniziativa City Post, nata e promossa dall’unione di intenti di Graziano Giacani, direttore artistico e co-fondatore di Premiata Fonderia Creativa, e della fotografa Francesca Tilio, con il coinvolgimento del collettivo Pensiero Manifesto.

“Un’occasione per dimostrare come il tessuto umano, sociale e creativo di Jesi sia estremamente vivace: da un’idea geniale di Francesca Tilio alle azioni, per merito di Graziano Giacani. Il Comune è stato rapido nell’intercettare questa urgenza, permettendo di riempire quelli che abitualmente sono spazi commerciali, per offrire uno stimolo artistico, per il quale i creativi della Vallesina hanno partecipato con grande entusiasmo” – racconta il vicesindaco Luca Butini.

“L’arte al posto della pubblicità: questa è la scommessa che abbiamo cercato di fare tutti insieme- racconta Graziano Giacani– dal momento in cui Francesca mi ha telefonato un giorno di qualche settimana fa sottolineando come gli spazi pubblicitari fossero morti mentre, paradossalmente, i cartelli dedicati alla morte brulicassero di vita. Da qui la sfida, che non è un progetto, ma un’idea propedeutica: è stato un test per vedere cosa aveva da raccontare Jesi.”

“Effettivamente questi spazi vuoti evocavano morte – prende la parola Francesca Tilio– ho pensato per questo che andava fatto qualcosa. Da qui l’intuizione di coinvolgere Graziano è stato immediata, sapendo la sua affezione per il territorio e per l’identità territoriale.  I ragazzi di Pensiero Manifesto comunicano già da tempo attraverso i poster, e questa per loro è stata l’occasione per mettersi in gioco. Si è così creata una bella squadra: ognuno ha comunicato in maniera molto personale e creativa. Quando le persone guarderanno questi manifesti vorrei che non badassero solamente alla perfezione estetica e grafica, ma che si sentano parte di una collettività”.

Un’iniziativa spontanea di artisti e performer, che in pochi giorni si è attivata per ridare vita agli spazi vuoti di eventi annullati, o posticipati a data da destinarsi, e di spettacoli mai andati in scena in città, a causa del lockdown. Dall’avvio del progetto sono state raccolte oltre 100 opere, di giovani e meno giovani, grafici, fotografi, professionisti e non solo, che verranno tappezzate senza una mappa precisa per tutta la città.

Oggi, giorno dell’inaugurazione, si è potuto assistere in diretta all’affissione di uno di questi.

COPERTINA

Numerosi gli imprenditori che hanno preso parte all’iniziativa concretamente, supportando con la propria attività la creazione dei manifesti a titolo gratuito: le aziende Digitall e Abaco si sono infatti dimostrati partner fondamentali, con la volontà di abbellire la città in un periodo funestato di tragedie.

Coinvolti nella “sfida” creativa, per fare in modo che la città torni a parlare, anche i ragazzi del Liceo Artistico Edgardo Mannucci, guidati dal Professor Massimo Ippoliti: “Come fare una pedalata insieme, con i ragazzi stavamo già progettando qualcosa di molto simile, ma unendo le forze tutto il loro lavoro è visibile anche all’esterno” – commenta il professore, ringraziando i suoi alunni.

Manifesto
Il manifesto presentato da Password Magazine, lo scatto in un angolo di Jesi tutto da scoprire. La natura che continua il suo ciclo nonostante tutto. La nostra forza è “Imparare dal vento a respirare” (cit.)

I manifesti sono riportati anche nel sito del Comune di Jesi: https://citypost.comune.jesi.an.it

Un vero museo a cielo aperto, alla portata di tutti: ecco l’arte senza confini offerta ai cittadini di Jesi.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.