Fondazione Pergolesi Spontini, bilancio in pareggio. In arrivo un nuovo Statuto sociale

JESI – Fondazione Pergolesi Spontini, bilancio in pareggio. A dirlo è il sindaco di Jesi Massimo Bacci durante la conferenza di fine anno indetta questa mattina. Dopo che sulla stampa era apparsa la notizia di un buco nei conti della Fondazione Pergolesi Spontini, lo spostamento del Rigoletto nel 2018 e le recenti dimissioni dell’amministratore delegato William Graziosi, il sindaco toglie via ogni dubbio sulla questione: «L’anno 2017 si è chiuso in pareggio. A gennaio approveremo il bilancio di previsione 2018, anche quello in equilibrio. Poi vi daremo anche i numeri. Intanto, possiamo rassicurarvi sul fatto che non c’è un aumento di debiti della struttura. Inoltre, siamo assolutamente convinti che, dimostrando nel 2018 un’importante capacità di gestione delle risorse, entro il 2019 potremo superare ogni difficoltà».

L’equilibrio in bilancio è stato possibile grazie all’accorpamento dei due anni 2017-2018 con la facoltà da parte del Consiglio di Amministrazione della Fondazione di utilizzare al meglio le risorse, «che non sono cambiate rispetto a quelle stanziate» decidendo di imputare i ricavi nell’uno o nell’altro anno, come riterrà più opportuno.

Il sindaco ha poi annunciato anche un’altra novità: «Proprio ieri si è riunito il CdA nel quale si è deciso di rivedere lo statuto sociale. Molto probabilmente non verrà più prevista la figura dell’Amministratore delegato».

Attualmente e per i prossimi tre mesi, a ricoprire le funzioni di William Graziosi, «che in via amichevole e consensuale ha terminato la collaborazione con la Fondazione senza esborsi di buona uscita da parte dell’Amministrazione», sarà la dottoressa Lucia Chiatti, già responsabile amministrativa, che si avvarrà delle figure professionali anche esterne, se necessario, e del direttore artistico pur tenendo conto che «il contratto di Vincenzo De Vivo scadrà proprio nel 2018». Nel frattempo si passerà a rivedere lo statuto, senza prevedere più la figura dell’Ad e stabilendo una nuova struttura apicale.

«Jesi è l’unica città non capoluogo a portare avanti un Teatro di Tradizione – conclude il sindaco – Il prossimo anno sarà il 220° anno dalla costruzione del Pergolesi e sono convito che potremmo festeggiare questa ricorrenza senza i grandi problemi di questo periodo»

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*