Bilancio di fine anno, debito in calo. Videosorveglianza e digitalizzazione obiettivi per 2018 | | Password Magazine

Bilancio di fine anno, debito in calo. Videosorveglianza e digitalizzazione obiettivi per 2018

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il 2017 sta per giungere al termine e come in tutte le città, anche per il sindaco di Jesi Massimo Bacci è tempo di tirare le somme: «Innanzitutto vorrei ringraziare tutti coloro che mi hanno accompagnato nel precedente mandato, a quelli che mi hanno aiutato e supportato per quello attuale. Abbiamo raggiunto risultati straordinari pensando da dove siamo partiti e credo che nella piccola storia della nostra città lasceremo un segno profondo, legato in particolare ad una modalità di gestione della città e della politica cittadina fatta con modalità completamente diverse rispetto a quello che è il modo di gestire la cosa pubblica in questo Paese».

L’anno concluso in continuità con gli anni precedenti, caratterizzati da una politica di estremo rigore senza tagliare i servizi ai cittadini: il bilancio viene chiuso in equilibrio, il valore del debito è stato ridotto e, per il prossimo anno, si prevede di arrivare intorno ai 13 milioni. «Per quanto riguarda i servizi legati alla persona, abbiamo raggiunto un ottimo risultato con l’Asp Ambito 9 (azienda servizi alla persona): un’idea di un progetto che ha visto la collaborazione stretta di 21 comuni che partiti con una possibilità di spesa intorno ai 10 milioni, ad oggi, cinque anni dopo, sono arrivati ad ottenerne  fino a 15. Risultato straordinario che traccia un indirizzo chiaro: solo unendo i servizi a livello di ambito del sociale si possono ottenere risultati straordinari sia in termini di economia che in qualità dei servizi stessi».

Per il sindaco Bacci, obiettivo primario per il 2018 sarà sicuramente quello di portare avanti il ruolo propositivo della città come «Comune di riferimento nel territorio nell’Ambito del sociale per mettere insieme una serie di servizi e raggiungere una collaborazione tra i territori. C’è dunque una forte volontà nell’unire i servizi legati alla gestione del personale, alla gestione dell’informatica e alla gestione della Protezione civile. Volontà che vogliamo portare avanti e centrare».

Si stanno poi portando avanti altre questioni quali: la digitalizzazione del Comune per fra fronte alla mancanza di personale (nel 2018 si arriverà ad di  sotto delle 250 figure anche se sono previste assunzioni di almeno 3 unità in Polizia locale) e per rendere il rapporto tra cittadino e l’ente il più efficiente possibile. Riqualificazione del centro storico, partendo dai tanto attesi lavori in Piazza Pergolesi; con la riqualificazione di quest’ultima si creeranno le condizioni per la sistemazione di Corso Matteotti e Piazza della Repubblica. C’è poi il progetto della cosiddetta “città intelligente”: progetto legato all’intensificazione dell’illuminazione pubblica; la videosorveglianza in tutta la città con più di 300 telecamere per far fronte ai continui atti di vandalismo; acquisizione di semafori intelligenti che favoriranno l’attraversamento ai diversamente abili, in particolare dei non vedenti e l’installazione di sensori di ultima generazione che monitoreranno in tempo reale gli accessi alla città al fine di controllano tutte le targhe che entrano ed escono dalla città, che rappresenta un’ulteriore strumento contro la criminalità.

C’è inoltre un progetto per il recupero della Casa di riposo che permetterà l’ampliamento del numero di utenti (20 posti di RSA dati dalla Regione che daranno possibilità di posti letti ai malati cronici) e la riqualificazione dei cimiteri cittadini, «perché una città che non ha rispetto per coloro che non ci sono più – commenta il sindaco Bacci – non credo sia una città con dignità».

Per ciò che riguarda l’edilizia scolastica, c’è il progetto esecutivo della scuola Lorenzini di circa 5 milioni e mezzo, che vedrà anche la realizzazione di una palestra che potrà essere usata anche per attività di agonismo e dai cittadini. Altri due progetti in vista: lavori per la sistemazione della scuola Martiri della Libertà dal costo di circa 450.000 euro previsti per la prossima primavera; e interventi sulla scuola Media Duca Amedeo di Savoia dal costo di circa 750.000 euro. «Tutte queste spese verranno affrontate nel bilancio comunale – spiega il sindaco – e riusciamo a farlo perché in questi cinque anni siamo riusciti a raggiungere un equilibrio tale che ci permette di essere in grado di fare tutte queste attività. Attività che cambieranno il volto alla nostra città».

Si sta inoltre aspettando l’abbattimento della struttura che ospitava l’ex Ospedale in viale della Vittoria: «Spero che sia l’anno che porterà all’abbattimento di quelle strutture – commenta Bacci – dal punto di vita del Comune quello che si doveva fare, è stato fatto”. Dunque, non ci resta che aspettare, anche perché quell’area rappresenta investimento e crescita, potrebbe diventare una grandissima opportunità per il territorio».

Infine: «Se quello che abbiamo in testa riusciremo a portarlo avanti, credo che saremo in grado di lasciare il nostro mandato nel migliore dei modi e, quello che più importa, potremo guardare sempre negli occhi i nostri cittadini».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.