Gli auguri di Buon Anno di JesiAmo: «Avanti verso una città unita e rivolta al futuro» | | Password Magazine

Gli auguri di Buon Anno di JesiAmo: «Avanti verso una città unita e rivolta al futuro»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – Il gruppo consiliare Jesiamo fa un primo bilancio di questi primi mesi di consiliatura:
«Proprio un anno fa, in questi giorni di festività natalizie, accoglievamo con soddisfazione l’annuncio della disponibilità di Massimo Bacci a ricandidarsi alla guida della città.
Oggi ci troviamo a fare un primo bilancio di questo avvio di consiliatura. Non intendiamo soffermarci sulle linee del programma di mandato e sui numerosi importanti progetti annunciati per i prossimi cinque anni, ma solo sottolineare, per alcuni aspetti, quanto è già stato messo in campo.
Sono stati mesi di intensa attività per continuare a costruire una città vitale e attenta alla propria identità culturale, come fattore di coesione e di sviluppo sociale ed economico.
Anche in questo 2017 l’ultima seduta del Consiglio Comunale è stata segnata dall’approvazione del Bilancio Preventivo. Un bilancio approvato nei tempi giusti, per garantire alla macchina comunale una piena operatività già dai primi mesi dell’anno, e caratterizzato da una ulteriore riduzione del debito. Un bilancio che preserva la spesa per il sociale, consentendo all’ASP di continuare ad operare in modo incisivo per assistere anziani, persone in condizione di disabilità, minori e famiglie in difficoltà. Allo stesso tempo, grazie al controllo rigoroso della spesa corrente, consente di mantenere il livello di tassazione per i cittadini al di sotto della media regionale e nazionale e di prevedere una detassazione per tre anni delle nuove imprese commerciali e artigianali.
Il rilancio economico della nostra città non può prescindere da una gestione responsabile della finanza pubblica e dalla creazione di un contesto favorevole alle imprese. Ma è anche necessario intervenire attivamente su alcune importanti criticità per trasformarle in opportunità di sviluppo.
Per questo abbiamo accolto con grande favore la notizia della scelta dell’Area Interporto come Centro per la Logistica del Farmaco per la Regione Marche e seguiamo con attenzione il percorso di rivalutazione dell’Area Ex-Sadam, come polo sportivo e nuova sede dei laboratori della Fondazione Pergolesi Spontini.
Vogliamo ricordare anche, a questo proposito, il finanziamento ottenuto nel mese di novembre dal Ministero dell’Ambiente per il progetto di mobilità sostenibile di cui il nostro Comune è capofila, che darà ulteriore slancio al lavoro dell’Assessorato all’Ambiente e alla Mobilità e porterà risorse per la manutenzione di strade e marciapiedi e la costruzione di piste ciclabili.
Risultati significativi, frutto di un modo diverso di intendere e fare politica che consideriamo la più importante innovazione portata dal nostro movimento.
Qualche notazione vorremmo dedicarla alle celebrazioni per queste festività natalizie, che sono state oggetto di alcune critiche a nostro parere ingiustificate.
Pur nella sobrietà dovuta a questa contingenza ancora difficile, si è data priorità a iniziative, come il Cenone Solidale di Capodanno al mercato coperto, che stanno diventando una consuetudine per la città e che si caratterizzano per un significato simbolico di coesione e di vicinanza ai settori più fragili della comunità. La stessa Messa di Natale in Consiglio Comunale, alla presenza di rappresentanti delle principali comunità religiose accanto al vescovo della Chiesa Cattolica, svoltasi per la prima volta nel 2015 all’indomani dei terribili attentati di Parigi, portò e vuole continuare a portare con sé un messaggio ecumenico di pace e di unione nelle differenze.
Oltre ai vari appuntamenti, diventati ormai fissi ogni anno, queste festività sono state segnate anche dalla riapertura del Museo Archeologico nella nuova sede di Palazzo Pianetti, e dalle celebrazioni per il Compleanno dell’Imperatore presso il teatro Moriconi. Iniziative importanti per la capacità di attrazione della città e per la conquista di una vera vocazione turistica.
Una città consapevole della propria identità storica e culturale, che su di essa investe per costruire il proprio futuro e che verso il proprio futuro continua a camminare unita, senza lasciare nessuno indietro. E’ questo il nostro augurio a Jesi per il 2018 e l’obiettivo per il quale continueremo a lavorare accanto al nostro Sindaco, alla giunta e ai nostri gruppi consiliari Jesiamo e Jesinsieme».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.