Il San Settimio enig…mistico del Museo Diocesano

JESI – Sarà dedicata a San Settimio la prossima iniziativa del Museo Diocesano che, dopo un’estate calda ma ricca di turisti e visitatori, è pronto ad aprire l’autunno con un progetto dedicato al Patrono. «Si chiama “San Settimio enig…mistico”  e sarà un modo divertente per avvicinare i bambini dai 7 agli 11 anni alla tradizione, insieme alla famiglie – spiega la dott.ssa Katia Buratti, curatrice del museo – Un gioco di parole e un laboratorio per riscoprire la tradizionale festa del Patrono di Jesi, leggendo insieme la sua storia a fumetto e risolvendo quiz enigmistici osservando le opere d’arte del Museo».

Ci sarà anche un percorso che comprende opere dedicate al Santo: un reliquiario a mezzo busto e uno a braccio del XIX secolo; un dipinto del 1617 attribuito ad Antonino Sarti che ritrae il martirio del Santo e, sullo sfondo, lo skyline di una Jesi del XVII secolo; una pala l’altare collocabile tra il XVIII – XIX dedicata a San Settimio e probabilmente appartenente ad una piccola cappellina situata sulle sponde dell’esito oggi scomparsa.

La tela di Antonino Sarti con il martirio di San Settimio e lo skyline di Jesi del XVII secolo

«Gioco e investigazione, una formula che si è rivelata vincente con Furto a Palazzo proposto nei giovedì sera d’estate, raggiungendo anche i 60 partecipanti a serata – spiega Buratti – Con l’estensione dell’orario di apertura il venerdì nel dopo cena e la domenica di pomeriggio, grazie anche alla sinergia con il Museo Federico II Stupor Mundi e la Pinacoteca civica nella bigliettazione, il Museo Diocesano ha registrato un autevole aumento delle visite da parte di interessati e turisti nei mesi di luglio – agosto, passando dai 519 del 2016 agli 832 nel 2017».

Sono sopratutto tedeschi ma anche olandesi, svedesi, francesi e anche una ancora piccola ma significativa presenza di americani i turisti che quest’estate hanno visitato il Museo: «Continueremo a fare iniziative – spiega Buratti –  per coinvolgere e attirare anche la popolazione locale». Ad ottobre, tante novità in programma: dell’adesione a “FAMU, famiglie al Museo” domenica 8 ottobre alla quinta edizione della  “Giornata dei Musei Ecclesiatici – Se scambio cambio” (21-22 ottobre).

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*