Inaugurazione scuola, il sindaco Domizioli ai giovani: «Non abbiate paura di sognare»

Il sindaco Domizioli

JESI – Il sindaco Umberto Domizioli esprime soddisfazione per la partecipazione dei cittadini alla festa per l’inaugurazione, giovedì 21 marzo, della scuola secondaria di primo grado «Gaspare Spontini» di Moie e ringrazia le tante autorità intervenute alla cerimonia, una festa animata dai canti e dalle esibizioni degli alunni e che ha visto la presenza, fra gli altri, del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti, del senatore Vittorio Sgarbi.

Il sindaco ribadisce il suo «grazie a tutti quelli che, non sono pochi, hanno condiviso con noi questo progetto e che hanno contribuito con qualunque maniera al raggiungimento di questo traguardo. Poi chi ha reso possibile tutto questo dal punto di vista economico e cioè la Sogenus, che gestisce al meglio la discarica comunale, il MIUR che ha compartecipato e comparteciperà per il completamento, e la Regione Marche che ha gestito e indirizzato i fondi ministeriali». Il pensiero e il grazie del sindaco Domizioli va inoltre «ai veri protagonisti dell’inaugurazione, agli alunni che frequentano o che frequenteranno la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado nel nuovo edificio e, insieme ad essi, ai loro genitori e a tutto il mondo della scuola».

Al termine del suo intervento il sindaco ha ricordato e citato i tre motti scelti come riferimento: «Ho fatto dei miei sogni la mia vita e il mio lavoro. I have a dream, Io ho un sogno Spunto mai spento», rispettivamente di Carlo Urbani, Marting Luther King e Gaspare Spontini, tre grandi figure prese a modello, tre grandi figure di respiro mondiale. Tremendamente attuali tutte e tre: Martin Luther King, Carlo Urbani e Gaspare Spontini, questi due figli della nostra terra, figli delle due colline marchigiane che circondano questo Istituto, personaggi che, forti delle radici cresciute nella nostra terra, hanno spiccato il volo, non solo fisicamente perché protagonisti in Europa e nel Mondo, ma perché sono riusciti  a realizzare i loro obiettivi, i loro sogni che, come questo nuovo Polo Scolastico, potevano sembrare ambiziosi ma sono diventati realtà”. Il sindaco ha riservato l’ultimo augurio ai ragazzi: «Non abbiate paura di sognare in grande e che possiate realizzare i vostri sogni e se, come vi auguro ancora, ci riuscirete e anche solo in piccola parte ha contributo questo istituto, questa scuola, sarà per noi il più grande motivo di orgoglio e il ripagamento di tante energie che abbiamo dedicato a questo progetto insieme a più di una notte insonne».

Nel corso della cerimonia all’interno dell’auditorium ha preso la parola, oltre al progettista, l’architetto Nazareno Petrini, anche il vicesindaco Silvia Badiali, che ha ricordato, fra l’altro, come la realizzazione della scuola sia dovuta “oltre alla volontà politica di noi amministratori, concretamente, anche ad un finanziamento del Miur pari a 950.000 euro, assegnatoci attraverso la Regione Marche – e ricordo che siamo aggiudicatari di un altro finanziamento di 1.287.000 euro per il prossimo stralcio che riguarda la palestra – e per il resto, in grandissima parte, ai proventi della discarica Cornacchia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*