Sanità, Jesi in Comune: «L’Ing. Bevilacqua e le risposte mancanti».

JESI – In commissione Sanità del Comune di Jesi, anche il gruppo consiliare di Jesi in Comune ha ascoltato con attenzione l’intervento dell’ing. Bevilacqua, direttore dell’Area vasta 2: «Dopo ad aver illustrato interventi e prospettive future, è rimasto molto evasivo sulle risposte alle questioni da noi sollevate. Innanzitutto le tempistiche di alcuni interventi importanti annunciati, anche di tipo strutturale.  Quando effettivamente potremmo vedere i risultati di tali operazioni e perché solo oggi, dopo anni di criticità in tal senso, si è iniziato a progettare soluzioni?
Sono stati rispettati gli impegni presi con i protocolli di intesa programmatici regionali di istituire tavoli di confronto e monitoraggio su una serie di questioni complesse, dalle reti cliniche, alle liste d’attesa, fino alle politiche occupazionali?

Inoltre, sulla nostra richiesta di chiarimenti in merito alla disapplicazione della l.194/78 in questa regione ed, in particolare,  all’ospedale Carlo Urbani, dove tutti i medici si dichiarano obiettori, l’Ing. Bevilacqua ha risposto semplicemente che a Jesi il problema non eisiste perchè viene un medico da Senigallia per effetuare questo tipo di interventi due volte al mese.
Nessuna risposta sul mal funzionamento dei consultori, fondamentali per una totale presa in carico della donna in un momento così delicato, nulla sul mancato utilizzo della pillola abortiva Ru486, ad oggi prevista in via sperimentale solo all’ospedale di Senigallia.

Così come nessuna risposta su queste questioni l’Asur e la Regione Marche si sono premurate di fornire, ad oggi, alle associazioni e formazioni politiche del territorio che hanno anche formalmente segnalato tali enormi mancanze.

Con tale atteggiamento l’Ing. Bevilacqua ha dimostrato di non aver minimamente compreso la portata del problema, e forse neppure il dato normativo che prevede che l’ivg debba essere garantita in tutte le strutture pubbliche e che costituisce un’operazione complessa, che va ben al di là del momento dell’ intervento.
Tali risposte (o non risposte) ci appaiono del tutto inadeguate di fronte ad una palese violazione dei diritti delle donne e di una legge dello stato».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*