La Fornace, Enrico Ruggeri: "L'Italia è il Paese più bello del mondo ma ancora non lo sappiamo" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

La Fornace, Enrico Ruggeri: "L'Italia è il Paese più bello del mondo ma ancora non lo sappiamo"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Una Biblioteca La Fornace gremita per l’incontro “Musica, arte, cultura, motore turistico di un paesaggio” in compagnia di Rita Borioni, consigliere di amministrazione Rai, ed Enrico Ruggeri che, sabato 2 aprile, si esibirà al Teatro “Gaspare Spontini” di Maiolati per l’anteprima del concerto nazionale “Un viaggio infinito Tour”. I due ospiti di eccezione hanno affrontato il tema della cultura, nelle sue varie espressioni, dalla musica all’arte, e di come possa rappresentare un volano per la crescita e la promozione di un territorio.

 A coordinare l’incontro, il giornalista e conduttore televisivo Paolo Notari, dopo l’introduzione del consigliere delegato alla Cultura Sandro Grizi.

“Sono cresciuto leggendo Il Mulino del Po, L’idiota, i I fratelli Karamazov, in un’epoca in cui lo spettacolo era mentale – ha raccontato Ruggeri – La televisione ha sicuramente un ruolo nell’educare il pubblico alla cultura ma purtroppo è succube della concorrenza e questo ha abbassato la qualità dei programmi. Occorre promuovere modelli diversi e inversioni di tendenza per far comprendere al pubblico che è “figo” chi va a vedere una mostra e non chi guida su strada ubriaco e ad alta velocità”.

“Non possiamo costringere gli spettatori a seguire programmi culturali o ad andare al museo – ha detto la Borioni – Sicuramente non siamo un popolo che sa apprezzare ciò che ha, piuttosto guardiamo ciò che fanno gli altri. Sintomo questo di una bassa autostima. Tuttavia la tivù non deve dare alla gente ciò che vuole ma ciò che ancora non sa di volere”.

Dell’Italia, Ruggeri ha detto di apprezzare la varietà del paesaggio: “Viviamo in un Paese bellissimo ma non ne siamo del tutto consapevoli e non lo valorizziamo”. Le canzoni possono raccontare di un luogo, possono descriverlo, valorizzarlo: come con Primavera a Sarajevo. “E’ l’emozione che suscita un paesaggio ad essere di ispirazione – ha dichiarato l’artista – Così come lo sono i volti delle persone: di ogni territorio porto via un’espressione o uno sguardo che restano impressi nella mia mente finché non originano una canzone”.

Ad intervenire, anche il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo: “L’autostima di un popolo è un concetto importante – ha detto – Credo che spetti a noi amministratori con inventiva e capacità accrescere la consapevolezza di un territorio. Fondamentale è mettersi in rete, anche con poche risorse si può puntare al meglio”.

C’è attesa, dunque, per il concerto di Ruggeri. Il noto artista, reduce dal grande risultato ottenuto con il quarto posto al Festival di Sanremo, sarà al Teatro Spontini per la prima tappa del suo nuovo tour. D’altronde Ruggeri ha un rapporto speciale con le Marche. Dopo il successo ottenuto un anno fa al Teatro Lauro Rossi di Macerata, ha scelto di nuovo la nostra regione per allestire il suo ultimo tour teatrale. La serie di concerti proseguirà a Torino, Napoli, Firenze, Roma, Milano. Grandi città e grandi teatri, quindi, dopo lo “Spontini” di Maiolati. La scorsa estate Ruggeri ha ricevuto la cittadinanza onoraria nelle Regione Marche a Marotta, “Città de Il mare d’inverno“, per aver tante volte dichiarato di aver scritto proprio lì la canzone: uno dei suoi capolavori che si unisce a successi del calibro di “Quello che le donne non dicono”, “Mistero”, “Contessa”, “Primavera a Sarajevo”, “Si può dare di più”. Tutti successi che rendono il suo concerto live tra i più gradevoli fra quelli dei cantautori italiani.

La prevendita biglietti sarà tramite il circuito www.vivaticket.it. Il costo del biglietto è di euro 25, ridotto euro 22. Per i possessori della bibliocard c’è uno sconto del 10 per cento sul prezzo del biglietto. Per informazioni e prenotazioni si può contattare anche la Fondazione Pergolesi Spontini al numero 0731206888 o alla mail biglietteria@fpsjesi.com (la biglietteria presso il Teatro Spontini sara aperta da un’ora prima dell’inizio del concerto).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.