Lega Nord, mozione bocciata: «È razzista». Gregori nega e insiste: «Basta degrado»

Silvia Gregori, Lega Nord

JESI – Sabato mattina, alle ore 11.00, presso l’Aula della Giunta del Comune di Jesi, si terrà la conferenza stampa della consigliera Lega Nord Silvia Gregori in merito alla mozione presentata lo scorso Consiglio comunale e che ha suscitato polemiche e pareri che hanno definito quanto scritto  «razzista, con toni irricevibili, non votabile».

.

«Leggendo il testo si comprende che nulla di quanto dichiarato da alcuni consiglieri si può ravvisare se non l’adozione di misure marcate contro un fenomeno che ormai da tempo va in scena nei pressi della stazione ferroviaria – scrive la Gregori in una nota stampa – Non solo mal costume come si è voluto minimizzare ma sfruttamento della prostituzione, accattonaggio molesto, atti osceni  e spaccio di stupefacenti».

La mozione è stata votata in maniera favorevole solo dalla Lega Nord che l’aveva proposta «a dimostrazione che se anche il tema della sicurezza sembra essere molto caro a questa Amministrazione – puntualizza la Gregori – a fatti concreti, come ha accennato lo stesso sindaco Bacci, a certi problemi non sembra trovarsi soluzione se non l’abituarsi al degrado e alla delinquenza come forma comune dei nostri tempi , una sua accettazione come fosse parte integrante della globalizzazione dell’integrazione».

Gregori aggiunge:«Il nostro non era un moto razzista verso un’etnia ma verso l’atteggiamento di alcuni di questi soggetti che hanno scambiato la piazza della stazione come il punto di ritrovo per i loro reati. Basta con questo spirito buonista e perbenista che mira a voltarsi altrove per non interferire con le politiche di un governo che ha ampiamente dimostrato di non saper garantire la certezza della pena  e la sicurezza dei suoi abitanti! Riempiendo le strade di sbandati emarginati extra comunitari che non hanno nulla da perdere e per questo ancora più pericolosi».

Infine:«Jesi non deve essere un  pullulare  di telecamere ma una città sicura dove le leggi devono essere rispettate  e davanti a chi ha 7 fogli di via per gli atti commessi, fare in modo che lasci una volta per tutte il nostro territorio!».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*