Massimo D'Alema a Jesi nell'80esimo anno dalla morte di Gramsci | | Password Magazine
Banner4Baffi

Massimo D’Alema a Jesi nell’80esimo anno dalla morte di Gramsci

Foto da Wikipedia

JESI – Ottant’ anni fa moriva Antonio Gramsci all’età di 46 anni, dopo 10 anni trascorsi tra cliniche, carcere e restrizione. Il fascismo non era comunque riuscito ad impedire al suo intelletto di produrre cultura: oggi Gramsci è l’autore italiano del ‘900 più tradotto nel mondo.

Da ottobre, l’Istituto Gramsci Marche è attivo nella città di Jesi con conferenze e mostre in ricordo del grande intellettuale sardo e a dicembre si vedranno altre due iniziative, per concludere in bellezza l’80° gramsciano: “Odio gli indifferenti. 17 artisti per Gramsci” e “Gli studenti di Jesi per Gramsci”.  Per l’occasione è stato chiamato un ospite d’eccezione, l’On. Massimo D’Alema, che il prossimo 1° dicembre sarà al Teatro Moriconi alle 17.30 per tenere una conferenza su “L’eredità politica e culturale di Antonio Gramsci” e nello stesso pomeriggio, sarà proprio lui a dare il via alle due mostre in programma.

Conferenza stampa di presentazione

“L’onorevole è una figura che riesce ad unire l’impegno politico a quello culturale – ha voluto sottolineare il Senatore Cascia Aroldo – e quindi per il tema trattato, mi è sembrato un ottimo candidato”.

La mostra “Odio gli indifferenti” a cura dei Giancarlo Bassotti presso Palazzo Santoni vede l’esposizione di 16 artisti che hanno accolto l’invito e partecipato con entusiasmo. “Abbiamo deciso di scegliere una delle frasi più celebri come titolo per la mostra, per mettere ancora di più in risalto il suo pensiero”. Gli artisti hanno riprodotto la vicenda di Gramsci partendo dai suoi scritti, e ne è scaturita una riflessione sulla sua attualità.

Si possono ammirare le opere di Angelo Accadia, Mario Boldrini, Pietro Cacciani, Carlo Cecchi, Franco Cecchini, Leonardo Cemak, Giulia Di Vitantonio, Maria Vittoria Franceschi, Alessandro Gigli, Guglielmo Girolimini, Lughia, Martina Marchetti, Leonardo Meschini, Dino Mogianesi, Bob Money, Luigi Pennacchietti.

L’opera del 17° artista si tratta del dipinto “Gramsci per Miss Edith Luisa Cavell” di Franco Bugatti: l’opera è custodita presso la residenza municipale e ritrae una figura femminile sdraiata e nuda, l’infermiera inglese Edith Luisa Cavell, catturata e uccisa durante la prima guerra mondiale perché aveva curato degli inglesi. Su questo episodio Gramsci aveva infatti scritto nell’Avanti nel 1916, e le parole del suo articolo fanno da sfondo all’opera d’arte del pittore jesino.

“Gli studenti per Gramsci” tratta lo stesso tema, ma qui le protagoniste sono le opere d’arte fatte dai ragazzi delle scuole medie superiori della città.

“L’istituto Gramsci Marche vuole ringraziare tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione di queste splendide iniziative – commenta il Senatore Aroldo Cascia – tutti gli artisti con Giancarlo Bassotti, l’Amministrazione Comunale per il patrocinio e il sostegno, gli studenti e i loro insegnanti e dirigenti che hanno permesso la realizzazione di interessanti opere”.

La mostra “Odio gli indifferenti” sarà fruibile dal 1 al 10 dicembre presso Palazzo Santoni dalle 17 alle 19.30; la mostra “Gli studenti di Jesi per Gramsci” sarà fruibile dal 1 al 7 dicembre presso il Teatro Moriconi dalle 17 alle 19.30 e al mattino su prenotazione.

“Queste iniziative sono molto importanti per la collettività – commenta l’assessore Luca Butini –  soprattutto per gli insegnamenti e le riflessioni che personaggi del passato del calibro di Gramsci riescono tutt’ora a trasmetterci, quindi occasioni come queste vanno colte al volo”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.