Nasce il Comitato Parco del Vallato – via del Molino

JESI – Nasce il Comitato Parco del Vallato – via del Molino grazie all’accordo tra Lega Nord Jesi e i residenti delle zone interessate che, in passato, avevano già raccolto 400 firme, per diventare una figura giuridica unica, con doveri ma anche diritti.

Il comitato sarà creato ufficialmente a breve e sarà fautore di iniziative volte alla sicurezza, senza distinzione di credo politico, razza o provenienza e si farà promotore di dialogare direttamente con gli enti, fino a costituirsi parte civile in caso di negligenza da parte del Comune e di inosservanza del Regolamento in materia.

«I cittadini del Parco del Vallato, nel tratto che comprende l’ascensore di Via Zannoni fino a via del Molino, sono ormai esausti e delusi dalle continue rassicurazioni da parte dell’Amministrazione comunale che non ha prodotto nessun risultato visibile – spiega la consigliera comunale Lega Nord Silvia Gregori – I residenti di Via Del Molino, sono costretti a fare i conti con scene da Far West ogni fine settimana, puntualmente, con danni ad auto in sosta e lordura ovunque, a causa di alcuni avventori della discoteca Noir».

Timori legati anche all’utilizzo dell’ascensore di via Zannoni «per i personaggi che lo circondano che in più di un occasione hanno infastidito i passanti, soprattutto  donne, che si sentono inseguite e impaurite». La Gregori parla «di un pellegrinaggio che assomiglia più a una via crucis e che termina con la situazione di Parco del Vallato ormai ingestibile, salita alle cronache spesso per i giochi destinati ai bambini disabili rotti e per il vandalismo ai danni di chi è già stato meno fortunato».

«Tra le prime cose che chiederemo – puntualizza la Gregori – ci sarà  una maggiore illuminazione, controlli a tappeto della Polizia locale e le altre forze dell’ordine e una videosorveglianza finalmente controllata da qualcuno. Come avevo detto inizialmente, voglio utilizzare il mio mandato di Consigliera per schierarmi con e dalla parte dei cittadini senza fare demagogia ma risolvendo questioni dove la risposta da parte dell’Amministrazione sembra essere ancora una volta che questo è il segno dei tempi e che noi possiamo e dobbiamo solo abituarci! Mi dispiace ma NO!»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*