Minacce di morte a Bini, il Direttore Sogenus: "Gesto di pessimo gusto ma ancora da accertare" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Minacce di morte a Bini, il Direttore Sogenus: “Gesto di pessimo gusto ma ancora da accertare”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
L’assessore del Comune di Monte Roberto Bini

MONTE ROBERTO – “E’ ora di tornare alla ragione e alla calma! Bini non ha nulla da temere”. Queste le parole del Direttore generale Mauro Ragaini, a seguito delle minacce di morte ricevute dall’assessore del Comune di Monte Roberto Marco Bini per aver seguito, in conferenza dei servizi, l’iter procedurale sull’ampliamento della discarica di Moie. Un iter che si è concluso, dopo due anni e mezzo, con il diniego da parte della Provincia di Ancona del progetto presentato nel 2013 dal Comune di Maiolati Spontini.  Una sentenza che, sicuramente, ha destato la preoccupazione di qualche dipendente Sogenus per il timore di perdere l’impiego.

“Fino al giorno di Pasqua non sapevo nulla di questa storia – dichiara Ragaini – Bini non ha riferito nulla alla Direzione, neanche al suo sindacato.Ho letto sul giornale di questa inverosimile vicenda troppo amplificata da alcuni, prima degli accertamenti e indispensabili riscontri. Sono molto amareggiato”.

Non è un mistero che i Comuni di Castelbellino e Monte Roberto negli ultimi mesi abbiano lavorato a stretto contatto affinché il progetto di ampliamento della discarica venisse stoppato in quanto non conforme a quanto stabilito dal nuovo Piano regionale dei Rifiuti. Nella conferenza stampa di martedì scorso, indetta dal Comune di Castelbellino, Bini aveva dichiarato di aver trascorso notti insonni nello studio del caso dell’ampliamento: dichiarazioni raccolte dalla stampa e non passate inosservate.

“Forse si tratta solo di una piccola e triste vicenda “grafica” frutto di esasperazioni polemiche e strumentalizzazioni politiche – continua Ragaini –  L’episodio raccontato dall’assessore Bini che non dimentichiamolo è anche dipendente di SOGENUS spa, in base alle informazioni rapidamente assunte, si riferisce  a due frecce e qualche parola forse indirizzata a lui che può essere stata apposta a penna da chiunque, ripeto da chiunque, in tempi diversi e con penne di diverso colore in direzione di una inserzione pubblicitaria di una ditta di onoranze funebri che figurava in fondo all’articolo apparso su una rivista on line. Questo articolo dopo essere stato stampato da qualche dipendente è stato affisso nei locali comuni riservati ai dipendenti. Dalle informazioni assunte non risultano essere stampati e diffusi volantini”. E aggiunge: “Se corrisponde a completa verità quanto raccontato da Bini si tratta indubbiamente di un gesto di pessimo gusto, comunque deprecabile che io censuro severamente. Tuttavia, allo stato degli atti, invito tutti alla ragionevolezza e a dare senso e proporzioni adeguati ai fatti narrati che devono essere ancora accertati e confermati e collocati nel vero contesto e significato”.

Il Direttore Sogenus puntualizza: “Si tratta di un episodio di malessere all’interno di una azienda pubblica sana oggetto per troppo tempo di attacchi gratuiti ed infondati ,illazioni sgradevoli e immeritate. Posso assicurare che i dipendenti che lavorano in SOGENUS benchè preoccupati per il loro futuro ed esasperati da tante cattiverie diffuse tramite facebook e comunicati, sono corretti, molto pazienti ed affidabili. Persone perbene che hanno a cuore il loro lavoro, la loro azienda e con la testa sulle spalle. Sono padri e madri di famiglia onesti. Ora è giunto il tempo di più equilibrio e di animi più sereni. Raccomando prudenza prima di emettere condanne affrettate e toni più misurati L’assessore Marco Bini  è tale nel suo Comune, in SOGENUS è e rimane un dipendente come gli altri (autista addetto alla raccolta dei rifiuti urbani) e come tale rispettato, con diritti e doveri da adempiere incluso quello di fedeltà all’azienda .Bini può contare sempre  sulla nostra comprensione, piena considerazione e affetto. Passata la rabbia per questo fastidioso e deprecabile episodio non ancora chiarito ed  accertato, sono certo che Bini saprà in cuor suo ridimensionare il tutto e recuperare una maggiore serenità di giudizio e fiducia nei suoi colleghi.. Non può pensare neanche per un secondo che la sua vita possa essere in pericolo. Si tranquillizzi immediatamente. Da parte mia vigilerò attentamente ed esigerò comportamenti assolutamente corretti e rispettosi da parte di tutti i dipendenti. Il Consiglio di amministrazione valuterà l’accaduto e prenderà eventuali decisioni di sua competenza.Vogliamo tutti lavorare in santa pace nel rispetto delle regole ed offriremo la più ampia, leale e doverosa collaborazione a chi sarà chiamato ad indagare e rilevare eventuali responsabilità personali”.


Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.