Nuovo Dpcm, le regole dal 16 gennaio: stop asporto bar dopo le 18 | Password Magazine

Nuovo Dpcm, le regole dal 16 gennaio: stop asporto bar dopo le 18

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Niente asporto per i bar dopo le 18. É la nuova misura che il Governo intende introdurre con il nuovo Dpcm che troverà attuazione dal 16 gennaio. Nell’incontro di stamattina in videoconferenza con le Regioni, l’esecutivo ha confermato di voler introdurre il divieto per i bar di vendere cibi e bevande da asporto dopo le 18. Una misura pensata, secondo quanto riporta il Corriere della Sera, «per impedire assembramenti in strada e movida». Resterà consentita solo la consegna a domicilio e la misura non riguarderà i ristoranti».

Durante l’incontro di stamani, sono state illustrate anche le altre regole: nel nuovo provvedimento resterebbe la visita a parenti e amici in massimo due persone, lo stop allo spostamento tra regioni, anche se gialle, e l’introduzione della fascia bianca che consentirà di entrare in una fase diversa:  niente restrizioni, obbligo di mascherina e del rispetto della distanza di sicurezza, scomparsa del coprifuoco, riapertura di tutte le attività commerciali, palestre, teatri e cinema, scuole. Un traguardo che difficilmente sarà raggiungibile dati i numeri attuali e l’abbassamento della soglia RT, misura che il ministro della Salute Roberto Speranza nel corso della riunione ha ribadito di voler introdurre nella nuova normativa (con 1 si va in arancione e con 1,25 in zona rossa).

Per diventare zona bianca l’indice non dovrà essere superiore a 0,5, con un tasso di incidenza di 50 casi alla settimana ogni 100 mila abitanti: stando alle previsioni, nessuna regione riuscirà a raggiungerlo prima di febbraio-marzo.

Per il premier Conte infatti:  «Sta arrivando un’impennata di contagi – ha detto alle telecamere del Tg3 – dopo Gran Bretagna, Irlanda, Germania sta arrivando anche da noi: non sarà facile, dobbiamo fare ancora dei sacrifici».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.