Polizia locale, controlli in borghese: 47 sanzioni per guida con il cellulare - Password Magazine

Festival Pergolesi

Polizia locale, controlli in borghese: 47 sanzioni per guida con il cellulare

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sicurezza stradale, un tema che in questi giorni è tornato alla ribalta dopo i tragici fatti di Porto Recanati. Auto che circolano sul territorio non assicurate o con la revisione scaduta, guida con dispositivi cellulari in mano o non rispetto del rosso. La Polizia locale del Comune di Jesi è impegnata a reprimere le condotte scorrette su strada, adottando anche nuove misure a tutela della sicurezza. Non più solo presidi, dunque, ma anche servizi dinamici in città: «Da alcuni mesi, svolgiamo servizi in abiti civili, a bordo di un’auto civetta che non ha dunque contrassegni identificativi – spiega il Comandante della Polizia locale Cristian Lupidi -. Sono servizi che mirano a contrastare, in particolare, due tipi di violazioni: l’utilizzo del cellulare alla guida e il non rispetto del rosso semaforico».

Gli agenti della Municipale, seguendo le indicazioni del comandane Lupidi, dal 15 gennaio hanno realizzato ben 15 servizi in abiti civili, stilando oltre 50 verbali. A bordo dell’auto civetta, gli agenti possono accostarsi a un’automobilista e intimare l’alt qualora notino qualche cattiva condotta, come l’impiego del telefonino al volante-Secondo quanto indicato dalle statistiche nazionali, il cellulare è tra le principali forme di distrazioni alla guida negli ultimi tempi. «Sono 47 verbali contestati durante i controlli in borghese per violazione dell’art. 173 del Codice della Strada, ovvero per uso di apparecchi radio-cellulari durante la marcia» ha spiegato Lupidi. Per i trasgressori, c’è una multa da 165 euro, la decurtazione di 5 punti dalla patente di guida e segnalazione. Se la stessa infrazione venisse commessa nel biennio successivo, scatta la sospensione.  Proprio come accaduto ad uno dei casi rilevati, in cui un conducente è stato sanzionato per la seconda volta in due anni per guida con cellulare e la Polizia locale ha dovuto provvedere a segnalare la patente alla Prefettura.

Non c’è però neanche il rispetto del semaforo: sono 6 invece i verbali contestati per violazione dell’art. 41 del Codice della Strada, passaggio con il segnale rosso. Per i conducenti c’è una multa da 167 euro con segnalazione della patente. Anche in questo caso, c’è il rischio di sospensione del documento di guida nel caso di reiterazione della condotta nell’arco dei due anni. Nel corso dei controlli in abiti civili, è stata poi sanzionata una persona per utilizzo improprio del contrassegno per gli invalidi, in quanto in quel momento l’automobile non era a servizio del soggetto interessato.  «I servizi svolti in borghese sono efficaci in un’ottica repressiva – continua Lupidi -. Continueremo con questo tipo di attività unitamente ai posti di controllo ordinari che saranno effettuati con l’impiego di tecnologie all’avanguardia». Oltre al Targasystem che consente di segnalare agli agenti i veicoli in circolazione non assicurati, con revisione scaduta o provento di furto, è previsto l’arrivo di una nuova tecnologia per combattere il fenomeno della sosta selvaggia: «Per il 2019 – conclude il Comandante -, il bilancio di previsione prevede fondi per l’acquisto di una tecnologia ancora più evoluta che, oltre a svolgere il controllo, ci consentirà di intercettare agevolmente soste in doppia fila ed effettuare le cosiddette multe a strascico».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.