Regione Marche, Comuni ricicloni 2013

REGIONE MARCHE – Provincia di Macerata da record con Montecassiano (82,86%), Pollenza (82,24%), Esanatoglia (80,43%), Camporotondo di Fiastrone (80,16%), Montelupone (80,07%). Ben 5 comuni superano l’80% di raccolta differenziata per l’anno 2012 classificandosi tra primi assoluti nella Regione Marche. Exploit maceratese: sono 40 i comuni oltre il 65% di raccolta differenziata previsto dalla legge consegnate anche 3 menzioni speciali. I 74 comuni marchigiani che hanno superato il 65% di raccolta differenziata si dividono 82mila euro messi in palio dalla Regione Marche.

Provincia di Macerata da record per la raccolta differenziata in una regione, le Marche, nel gruppo di testa in Italia per percentuale di Comuni ricicloni. La nostra regione è infatti al quarto posto nel Paese e al primo nel centro Italia per raccolta differenziata. E sono ben 40 i comuni della maceratesi che si sono aggiudicati il titolo diComune Riciclone per la Regione Marche” per aver superato il 65% di raccolta differenziata nell’anno 2012. Di questi, ben cinque comuni superano la soglia dell’80% aggiudicandosi il Premio Speciale per aver superato l’80% di rifiuti differenziata nel 2012. Raccolta da oscar per i comuni di Montecassiano (82,86%), Pollenza (82,24%), Esanatoglia (80,43%), Camporotondo di Fiastrone (80,16%) e Montelupone (80,07%) che risultano tra i primi comuni non solo nella Provincia di Macerata ma in tutto il territorio regionale. Sono state consegnate, inoltre, 3 menzioni speciali al comune di Porto Recanati “Per il sostegno al processo di integrazione sociale della Comunità dell’Hotel House”; al Cosmari “Per aver accompagnato il territorio verso una vera Gestione Integrata del Ciclo dei Rifiuti” e all’Hotel House per aver creduto nella raccolta differenziata è stata consegnata la targa: “Bravi perché ci avete creduto, ci avete provato e ci state riuscendo!”

La premiazione, che si è tenuta oggi presso l’Hotel House di Porto Recanati, è stata promossa da Regione Marche, Legambiente Marche con la collaborazione di Provincia di Macerata, Cosmari, Città di Porto Recanati. Con il patrocinio e il contributo di Comieco e Ricrea, con il patrocinio di Provincia di Macerata, Anci Marche, Unicem Marche, Arpam, Conai, Cial, CIC, Coreve, Corepla, Rilegno con la collaborazione delle Ludoteche del Riù. Alla premiazione hanno preso parte: Gian Mario Spacca, presidente della Regione Marche, Rosalba Ubaldi, sindaco di Porto Sant’Elpidio; Antonio Pettinari, presidente della Provincia di Macerata; Daniele Sparvoli, presidente Cosmari; Maura Malaspina, assessore all’Ambiente della Regione Marche; Giuseppe Giampaoli, direttore del Cosmari; Roberto Marinucci, direttore generale di Fater SpA; Mario Gamberale,amministratore delegato di Azzeroco2; Antonio Minetti, dirigente Servizio Territorio e Ambiente della Regione Marche; Luigino Quarchioni, presidente di Legambiente Marche; Stefano Ciafani, vice presidente nazionale di Legambiente.

“Oggi celebriamo un risultato straordinario – ha detto il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca – Le Marche sono infatti al quarto posto tra le regioni italiane per raccolta differenziata. Un dato che considera la percentuale dei Comuni che pratica questo esercizio di civiltà e che risulta così elevato grazie anche ai cittadini della provincia di Macerata. Un risultato che però vogliamo ulteriormente migliorare. Occorre infatti fare di più. Accanto alla raccolta differenziata, è necessario diminuire la quantità di rifiuti che produciamo e quindi avere un rapporto diverso con la funzione di consumo. Dobbiamo inoltre rafforzare il processo di recupero dei rifiuti, attraverso il riciclo dei materiali. Il nostro è già un modello virtuoso, al quale guardano con grande interesse anche i Paesi esteri. Iniziamo infatti ad esportare, oltre alle nostre produzioni, anche il nostro modello organizzativo e amministrativo”.

“Questa Provincia, grazie al lavoro svolto dal Cosmari, è l’orgoglio di questa Regione in tema di raccolta differenziata e gestione dei rifiuti, e i numeri lo confermano – commentano Stefano Ciafani e Luigino Quarchioni, rispettivamente vice presidente nazionale di Legambiente e presidente di Legambiente Marche -. Infatti, con i suoi 40 comuni che hanno superato il 65% di raccolta differenziata, la Provincia di Macerata è la più riciclona del Centro Italia con percentuali da record che superano l’80%. Non a caso è anche il territorio in cui si sta sperimentando l’introduzione dei micro chip, un grande passo verso il passaggio alla tariffa nel sistema Marche in modo da premiare i cittadini più bravi e virtuosi nella gestione dei rifiuti e stimolare gli altri. Ma accanto a questo è importante continuare a lavorare sulla riduzione dei rifiuti prodotti e sulla qualità e quantità della raccolta differenziata”.

“Il Cosmari negli ultimi anni ha spinto per ottenere un risultato nella raccolta differenziata nel panorama nazionale del 72% di media – aggiunge Daniele Sparvoli, presidente del Cosmari -. Questo risultato va di pari passo con il costo della raccolta differenziata che è tra i più bassi d’Italia. Oggi è arrivato il tempo di affinare le metodiche per portare la raccolta differenziata all’80%. Quindi agiremo in maniera puntuale dove ci sono possibilità di miglioramento; uno di questi luoghi è sicuramente l’Hotel House e abbiamo dimostrato che era possibile introdurre il porta a porta in uno dei condomini più grandi d’Italia che può essere assimilato ad un medio comune maceratese. Questi otto mesi di lavoro hanno portato dallo zero al 50% di raccolta differenziata e ha permesso di mettere un altro tassello per l’integrazione sociale che tutti auspicano e che nel settore ambientale ha portato un immediato risultato”

Sono 74 in tutto i comuni marchigiani che hanno superato il 65% di raccolta differenziata prevista dalla legge nell’anno 2012 e che si aggiudicano gli 82mila euro messi in palio dalla Regione Marche oltre che una targa ricordo realizzata in materiale riciclato dalla Ludoteca del Riuso Riù di Tolentino gestita dal locale circolo di Legambiente.

Il premio economico è stato calcolato in base alla percentuale di raccolta differenziata e al numero di abitanti, con particolare attenzione ai comuni che hanno superato la soglia dell’80% e i 30mila abitanti.

Una Provincia che ha ben metabolizzato l’importanza della raccolta differenziata, classificandosi come una delle province più riciclone del Centro Italia, come dimostrano i dati della Regione Marche secondo cui la percentuale di raccolta differenziata nel territorio maceratese, nel 2012, ha toccato il 66,91%. Cifra superiore alla media regionale che, nello stesso anno, è stata del 56,11%.

Inoltre, la produzione di rifiuti pro capite nella Provincia è stata di 467kg a fronte di 302kg di raccolta differenziata realizzata da ogni singolo cittadino maceratese. Dati ancora una volta a favore della Provincia di Macerata visto che nel 2012 la media regionale di rifiuti pro capite per abitante è stata di 526 kg per abitante e di 283 kg di raccolta differenziata per cittadino. Dati che vedono la Regione Marche quarta in Italia per raccolta differenziata.

Comune %RD
Montecassiano 82,86
Pollenza 82,24
Esanatoglia 80,43
Camporotondo di Fiastrone 80,16
Montelupone 80,07
Belforte del Chienti 79,62
Appignano 79,19
Matelica 78,54
Fiordimonte 78,19
Pioraco 77,63
Pievebovigliana 77,54
Caldarola 77,26
Petriolo 77,26
Montefano 77,07
Ripe San Ginesio 76,86
Urbisaglia 76,63
Recanati 76,3
Montecosaro 75,86
Serrapetrona 75,8
Morrovalle 75,73
Apiro 75,59
Monte San Martino 75,58
Potenza Picena 75,57
Corridonia 75,16
Monte San Giusto 74,66
San Severino Marche 74,56
Castelraimondo 74,44
Gualdo 73,78
Treia 73,25
Gagliole 71,73
Colmurano 71,68
Sarnano 71,6
Loro Piceno 71,38
Tolentino 70,54
Mogliano 70,13
San Ginesio 69,03
Penna San Giovanni 68,3
Sant’Angelo in Pontano 67,94
Camerino 67,59
Civitanova Marche 66,30

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*