«Riaperto lo sportello Cup, inevitabile l'accalcamento di persone». | Password Magazine
Festival Pergolesi

«Riaperto lo sportello Cup, inevitabile l’accalcamento di persone».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Caos al Cup di Jesi: lo segnala il Tribunale per i Diritti del Malato dopo l’ennesimo sopralluogo. «Abbiamo preso atto – fa sapere il coordinatore Pasquale Liguori – della riattivazione del servizio di prenotazione allo sportello e non ci risulta che ciò sia stato pubblicizzato dall’ASUR, tanto che sino a ieri avevamo file di pazienti al TDM che protestavano per il mancato contatto telefonico con il centralino del CUP regionale. Nessuno di loro sapeva e nemmeno noi che intanto lo sportello era stato riattivato».

Una sessantina le persone in attesa nella sala CUP , ma anche fuori dalla struttura (la fila proseguiva anche all’esterno dell’accesso): «A presidiare il traffico un addetto alla vigilanza che peraltro ha avuto il compito di prendere la temperatura a chi accede al CUP – continua Liguori – Per la verità quest’ultimo non ha materialmente e logisticamente la possibilità di rilevarla a tutti, tanto che al sottoscritto, entrato due volte nella sala non è stata mai presa. Ricordiamo che l’ospedale ha ben 17 accessi e presidiarli tutti è impossibile: anche al CUP si accede dall’esterno con due accessi e dall’interno con altri due. Nella sala d’attesa l’accalcamento è inevitabile per le persone in piedi. Tra chi è seduto poi non vi è assolutamente il distanziamento di sicurezza in grado di evitare i“contatti a rischio”. Ci chiediamo quale sia  il risultato dei “sopralluoghi propedeutici alla riapertura dei servizi CUP” che ci aveva preannunciato il Responsabile dei CUP regionale la settimana scorsa su nostra sollecitazione. Non siamo ancora a conoscenza della relazione fatta dal Servizio prevenzione e protezione dell’ASUR , ma ci auguriamo che le misure di protezione  siano messe in atto quanto prima e che prevedano efficaci dispositivi di distanziamento come ad es. il  plexiglas tra le sedute e  corridoi protetti e delimitati per chi accede dall’esterno».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.