Ritroviamo Castelbellino: «Incuria e degrado all'ex dopolavoro ferroviario» | Password Magazine

Ritroviamo Castelbellino: «Incuria e degrado all’ex dopolavoro ferroviario»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – Ritroviamo Castelbellino i giorni scorsi ha inviato all’Amministrazione comunale altri due provvedimenti volti a sollecitare con urgenza l’applicazione di misure che possano consentire la ripartenza del territorio, cominciando proprio dalle attività commerciali e dalle famiglie.

«In linea con le iniziative che ci auguriamo di cuore vengano davvero prese in considerazione e vagliate da chi di dovere – fa sapere la capogruppo Federica Carbonari – abbiamo voluto con forza domandare anche l’annullamento della TARI per questo 2020, presentando anche e proprio una mozione ad hoc che possa validamente permettere tale annullamento».

ex dopolavoro, Castelbellino
Castelbellino, l’area dell’ex dopolavoro

Un secondo provvedimento concerne invece una questione portata alla luce qualche giorno fa, ovvero «il degrado e l’incuria inaccettabili che caratterizzano tutta l’area dell’ex “dopolavoro ferroviario” in zona stazione di Castelbellino».

«Una situazione – aggiunge la Carbonari – che mostra purtroppo lo stato dell’arte , se così si può definire, di un’area finita da troppo tempo nel dimenticatoio di chi dovrebbe invece vigilare e prendersi cura del territorio assicurando il buono stato delle cose e delle persone, e che è tanto più grave in virtù del periodo difficile e di massima attenzione che l’emergenza sanitaria in atto richiede.

Per questo, la nostra rosta vuole “Ai sensi dell’art. 7 (comma 2) del vigente Statuto Comunale (modificato e integrato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del 23.04.2004, sottoporre all’attenzione del Consiglio Comunale l’iniziativa in questione, allo scopo in sostanza che si utilizzino i locali facenti capo alla Stazione Ferroviaria di Montecarotto-Castelbellino, ad oggi disponibili e in stato di evidente scarsa attenzione da parte delle Autorità preposte alla loro conservazione, da parte di Associazioni operanti nel sociale, senza quindi fini di lucro, nella prospettiva della rivalutazione e della più efficiente valorizzazione di spazi che potrebbero essere vantaggiosamente impiegati da parte di Enti appunto istituzionalmente orientati alla messa a disposizione della collettività di strutture, quali quelle di stazioni ferroviarie non più presidiate da personale in servizio, per finalità di pubblico interesse”.

Un’area, questa, che deve con forza essere riportata in auge, lo si deve ai tanti cittadini stessi di Castelbellino che qui hanno tanti ricordi. Speriamo che, almeno su questo, la nostra amministrazione saprà ascoltare e interrompere il silenzio assordante degli ultimi mesi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.