San Savino, la piazza di identità si unisce in un abbraccio | | Password Magazine

San Savino, la piazza di identità si unisce in un abbraccio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – Piazzale San Savino diventa punto di contatto tra culture e identità. In centinaia ieri si sono dati appuntamento nel cuore del quartiere per il San Savino Linking Festival, l’evento organizzato da Comune di Jesi e dall’Associazione Culturale Victoria per celebrare i valori dell’amicizia, della fratellanza e dell’identità tra le diverse realtà etniche, economiche e sociali che vivono in quella zona della città. A simboleggiare la piazza come punto di contatto tra identità e culture la grande “Mano” multicolore che, ideata dal grafico Grazian Giacani, entro marzo 2017 diventerà un momumento vero e proprio, grazie al coinvolgimento del Liceo artistico Mannucci.

 

La festa, animata da attività sportive, artistiche, ludiche e di intrattenimento, grazie alla partecipazione di società sportive, artisti ed associazioni della città, sugella l’incontro anche tra più generazioni. Maria Pia Boria ha compiuto 100 anni il 6 giugno scorso e abita nel quartiere da circa 25 anni. Jesina d’origine, nata nel quartiere Prato e tornata nella sua città dopo un periodo di vita trascorso ad Ancona, la centenaria Maria Pia è stata la protagonista di questa seconda edizione del San Savino Linking Festival: all’occasione, infatti, è stato realizzato il suo calco della mano in argilla, per perpetuare nel futuro le radici del quartiere, alla presenza del sindaco Massimo Bacci, del vice sindaco Luca Butini e dell’assessora regionale Manuela Bora e dal presidente dell’Associazione Culturale Victoria Giuseppe Romagnoli.
Altro momento significativo, quello dell’abbraccio piu grande delle Marche, cui hanno partecipato centinaia di partecipanti tra etnie, età e culture diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.