Sanità, Tribunale per i Diritti del Malato chiede accesso agli atti | | Password Magazine

Sanità, Tribunale per i Diritti del Malato chiede accesso agli atti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – In merito alla conferenza stampa tenuta dal Sindaco sul ruolo dell’Amministrazione comunale jesina sulle numerose problematiche della sanità in Vallesina, il Tribunale per i Diritti del Malato si dice «deluso per l’affermazione dello stesso Sindaco e dell’Assessore Quaglieri quando dicono che il Comune ha fatto tutto quello che doveva fare, ora aspetta quello che avrebbe dovuto fare l’ASUR».

«Ma noi ci chiediamo: cosa ha fatto sino ad ora l’Amministrazione comunale?Qualche sopralluogo nel Carlo Urbani che ad onor del vero non ha portato risultati tangibili per i cittadini vedi Pneumologia, vedi Pronto soccorso, liste di attesa e così via. E allora noi ci permettiamo di portare a conoscenza del cittadino i poteri in ambito sanitario attribuiti dalla legge 502/92 ai Sindaci attraverso la Conferenza dei Sindaci della Vallesina».

La legge definisce, nell’ambito della programmazione socio-sanitaria, le linee di indirizzo per l’elaborazione del piano attuativo locale; esamina ed esprime pareri sul bilancio pluriennale di previsione e di esercizio della ASL di riferimento; esprime pareri sull’operato del Direttore generale dell’ASUR di riferimento e può richiedere alla Regione la revoca del medesimo nel caso previsto dal comma 7 della legge 502/92. Quando  ricorrano gravi motivi o la gestione presenti una situazione di grave disavanzo o in caso di violazione di leggi o del principio di buon andamento e di imparzialità della amministrazione, la  regione  risolve  il  contratto  dichiarando la  decadenza  del direttore generale e provvede alla sua sostituzione; in tali casi  la Regione provvede previo parere della Conferenza dei Sindaci.

«Ci sembra pertanto che di potere il Sindaco ne abbia eccome – puntualizza il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori –  Abbiamo sentito pertanto la necessità di verificare l’operato della Conferenza dei Sindaci nella passata legislazione e quindi abbiamo inoltrato all’Amministrazione comunale una richiesta di accesso agli atti per capire quante volte si è riunita , cosa ha deliberato e quanti Sindaci hanno preso parte alle riunioni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.