Tragico schianto a Offagna, la vittima è un papà di 43 anni | Password Magazine

Tragico schianto a Offagna, la vittima è un papà di 43 anni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

OFFAGNA – É Francesco Contigiani l’uomo rimasto vittima nell’incidente di ieri a Offagna, sulla SP2.

Il 43enne, originario di Ancona ma residente a Polverigi, era alla guida della Fiat Punto quando, per cause in corso di accertamento, è rimasto coinvolto in un frontale con un furgoncino Doblò, condotto da un 48enne. La dinamica è ancora al vaglio della Polizia stradale, intervenuta per i rilievi: sembrerebbe comunque confermata l’invasione di corsia opposta da parte di uno dei veicoli.

Contigiani viaggiava verso casa prima che il tremendo impatto, intorno alle 17.30 di ieri, lo strappasse via alla vita.
Inutili i soccorsi del 118, quando i vigili del fuoco hanno estratto il corpo dalle lamiere l’uomo era già deceduto.
Contigiani lascia la moglie e un figlio.

Il ricordo del Centro Studi Libertari Luigi Fabbri di Jesi e Fai – Federazione anarchica Italiana sez. “Michele Bakunin” di Jesi e sez. “Francisco Ferrer” di Chiaravalle

«Francesco Contigiani era un nostro compagno. Il tragico incidente di cui è stato vittima nella serata di martedì ha strappato via una vita ed un affetto alla sua famiglia, a noi, suoi compagni anarchici, ai suoi colleghi di lavoro ed ai suoi amici»: così lo ricordano il Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri” di Jesi e Fai – Federazione anarchica Italiana sez. “Michele Bakunin” di Jesi e sez. “Francisco Ferrer” di Chiaravalle.

«Impegnato in politica da sempre, sin dai tempi dell’occupazione autogestita della Ludoteca in Ancona, da anni era parte integrante del gruppo anarchico di Jesi e del Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri”. Non sarà facile senza di lui. Figlio delle idee di giustizia e delle pratiche di libertà, militante politico e delegato sindacale, fiero rappresentante di una coscienza popolana e proletaria, refrattaria a qualsiasi abuso, assetata di ogni sapere e militante della solidarietà quotidiana realizzata sul posto di lavoro e nei luoghi della socialità a basso costo; quella che non fa curriculum, quella delle risorse monetarie sempre troppo strette e dei cuori degli amici sempre troppo larghi.

Viene da pensare che sarà un mondo ancora più brutto senza “Checco”, ma dal canto nostro, l’unico omaggio che possiamo fargli è di continuare a lottare e a sperare di essere in grado di renderlo migliore. Ci mancherai tremendamente Checco, per questo continueremo a tenerti al nostro fianco. Ciao compagno».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.