Via al rilancio del borgo di Scisciano | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Via al rilancio del borgo di Scisciano

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

L’Amministrazione comunale punta al rilancio e alla valorizzazione dei tesori rappresentati dai castelli di Maiolati Spontini e Sciasciano: piccoli borghi a rischio spopolamento che invece hanno visto, negli ultimi tempi, un fiorire di nuove attività commerciali. Una tendenza, questa, favorita anche da precise scelte politiche che il Comune intende proseguire e incentivare.

La dimostrazione arriva da due provvedimenti appena approvati dal consiglio comunale. Si tratta di regolamenti che prevedono contributi per interventi di recupero delle facciate nei centri storici e a sostegno delle piccole imprese nei settori commerciali e artigianali. Contributi a favore di chi abita o ha attività nel capoluogo e nella frazione di Scisciano.

Gli interventi relativi al recupero degli edifici nei centri storici verranno erogati a condizione che il richiedente sia residente nell’unità abitativa o che questa sia regolarmente affittata o che lo sarà alla fine dei lavori. Il contributo sarà pari al 25 per cento dell’importo della spesa ammessa per un massimo di 20.000 euro per unità abitativa, mentre salirà al 35 per cento dell’importo per un massimo di 30.000 euro nel caso in cui l’immobiliare sia di proprietà di più soggetti. Tale importo sarà maggiorato di 5.000 euro per ogni unità abitativa che rispetta i requisiti.

Per quanto riguarda le piccole imprese commerciali e artigianali, il contributo comunale riguarda tutti, ma è maggiore per le attività ricadenti o nel capoluogo o nella frazione collinare. Consiste in una somma di denaro e viene concesso a valere su fondi in conto capitale all’imprenditore. L’entità del contributo riconoscibile è pari al 20 per cento dell’ammontare delle spese finanziabili. Una percentuale che viene elevata al 50 per cento per le imprese operanti nel centro abitato di Maiolati Spontini e nella frazione di Scisciano, Per queste, il contributo massimo erogabile, non potrà comunque essere superiore a 15.000 euro per soggetto beneficiario.

“Lo scopo di queste misure – spiega il sindaco Giancarlo Carbini – è quello di favorire il recupero di edifici storici nel centro storico ai fini residenziali e l’insediamento o l’ammodernamento di attività commerciali o artigianali. Elementi entrambi fondamentali per ridare vita ai due splendidi castelli che hanno subito negli anni uno spopolamento a favore della frazione di Moie. I due centri storici si stanno invecchiando dal punto di vista demografico è ed fondamentale favorire il ritorno di residenti o il permanere di quelli attuali, soprattutto le coppie giovani”. E’ proprio in questa direzione che vanno gli interventi del Comune. “I regolamenti appena approvati – spiega il sindaco – sono solo le ultime iniziative, in ordine di tempo, messe in atto. Altre ne sono allo studio, finalizzate sempre a incentivare la rinascita dei piccoli centri collinari, puntando magari sul turismo e sulla valorizzazione delle bellezze architettoniche, naturali e sull’attrattiva dei percorsi enogastronomici”.

 

comunicato da: Comune di Maiolati Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.