Viaggiava in auto con un machete, arrestato

ANCONA – Durante il consueto controllo del territorio, soprattutto finalizzato al contrasto dei furti in  appartamento, le pantere  “sguinzagliate” della Polizia di Stato, solo nella serata di ieri hanno provveduto ad  identificare numerose persone che si aggiravano in alcune zone del territorio dorico, alcune delle quali avevano un atteggiamento sospetto.
L’occhio “vivo” degli uomini delle Volanti non ha fallito.
Intorno alle 19 hanno fermato un’auto con a bordo due giovani che alla vista della “biancoceleste” hanno repentinamente cambiato direzione verso strada vecchia del Pinocchio.
I Poliziotti dopo aver fermato l’auto e proceduto ai controlli si sono messi a guardare con particolare attenzione la zona circostante formata da cespugli e radici e hanno rinvenuto sotto un cespuglio un barattolo contenente un pezzo di 190 grammi di eroina solida
Sono in atto le indagini per approfondire chi aveva messo il barattolo in quel posto ove erano a poca distanza i due giovani e a chi era destinata.
Più tardi gli stessi Poliziotti procedevano al controllo di un’autovettura nei pressi della galleria Risorgimento con a bordo un giovane che appena visto la Volante spegneva i fari e si appiattiva sul sedile cercando di nascondersi alla vista degli Agenti.
I Poliziotti avvicinatisi all’autovettura con le dovute cautele, identificavano il ragazzo e trovavano all’interno dell’auto, occultato  sotto il sedile posteriore un panetto di hashish del peso di 100 grammi di qualità pregiatissima.
Nel portabagagli della stessa autovettura era nascosto un machete del tipo di quelli usati dai Samurai con lama ben affilata.
Il giovane portato in Questura, veniva tratto in arresto per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente, e per porto abusivo di armi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*