Acquaroli firma ordinanza: misure su assembramenti, mascherine e commercio | Password Magazine

Acquaroli firma ordinanza: misure su assembramenti, mascherine e commercio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Il Governatore delle Marche Francesco Acquaroli ha firmato oggi l’ordinanza che contiene misure su assembramenti, l’uso delle mascherine e disposizioni sul commercio.

Il provvedimento contiene disposizioni riguardanti il divieto di assembramento, l’obbligo della distanza di sicurezza di almeno un metro tra le persone e l’uso dei dispositivi e dei protocolli di sicurezza. Il documento contiene inoltre disposizioni sul commercio, anche su aree pubbliche, sui distributori automatici, sulla vendita per asporto, e sugli impianti termici.
In particolare, si legge che «è fatto obbligo di rispettare rigorosamente il divieto di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico, all’interno o nelle adiacenze di qualsiasi tipologia di attività e nelle aree pubbliche e private ad uso pubblico», così come è obbligatorio rimanere a distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e di utilizzare correttamente i dispositivi e protocolli di sicurezza. Anche «l’uso della mascherina di fuori dell’abitazione è sempre obbligatorio con eccezione dei bambini con età inferiore a 6 anni dei soggetti che stanno svolgendo attività sportiva e dei soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina».
Per quanto assembramenti e feste nelle abitazioni private è fortemente raccomandato di evitarli.
Tra le novità, «in attesa di ulteriori specifiche indicazioni da parte del Comitato tecnico scientifico Nazionale, nelle scuole di primo ciclo scolastico primarie e secondarie di primo grado sono sospese le seguenti tipologie di insegnamento a rischio elevato: educazione fisica al chiuso, se non è possibile rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di 2 m, lezione di canto e lezioni di strumento a fiato.
In materia di disposizioni sul commercio, il provvedimento indica che «i clienti negli esercizi commerciali devono permanere il tempo minimo necessario per l’acquisto delle merci e devono essere sempre muniti di mascherina».
«È vietata dopo le ore 16 la consumazione di alimenti e bevande all’aperto su aree pubbliche o private aperte al pubblico. In ogni caso non è consentita la consumazione sul posto e nelle adiacenze dell’attività di vendita o di somministrazione di alimenti e bevande»
«Gli esercenti delle grandi e medie strutture di vendita avranno cura di garantire un accesso della clientela ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonei a evitare assembramenti di persone tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali tale da garantire ai clienti la possibilità di rispettare la distanza interpersonale minimo di un metro punto la vendita con consegna a domicilio è sempre consentita».
Vietato il mercato stabile e periodico che si tiene all’aperto solo nel caso in cui il comune non applichi le disposizioni di cui al protocollo di sicurezza regionale fermo restando il rispetto delle distanze interpersonali e divieto di assembramento, l’obbligo di mascherina.

1 Commento su Acquaroli firma ordinanza: misure su assembramenti, mascherine e commercio

  1. Ma quale assemblamenti.viene il freddo.la polazione e stressata.non sono importanti solo le ristrettezze.ma la Sanità Domiciliari specialista.questa e una vera utilità.lo dice una persona che ha dedicato anni.nel seguire PZ complessi ventilati.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.