Agende Rosse: presentazione del libro "Depistato" con l'Autore Giuseppe Lo Bianco | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Agende Rosse: presentazione del libro “Depistato” con l’Autore Giuseppe Lo Bianco

JESI – Un nuovo importante appuntamento organizzato a Jesi da Agende Rosse Provincia di Ancona sta arrivando a Jesi. Questo il loro comunicato:
Il 19 gennaio Paolo Borsellino avrebbe compiuto 80 anni. Anche quest’anno il nostro gruppo Agende Rosse di Ancona e provincia ricorderà il grande magistrato in occasione del suo compleanno con un importante appuntamento durante il quale, insieme ad un autorevole ospite, faremo il punto sui vari processi ancora in corso per la strage di via D’Amelio e per il depistaggio delle relative indagini.
Con l’Autore Giuseppe Lo Bianco, giornalista de ‘Il Fatto Quotidiano’,  Vi aspettiamo sabato 18 gennaio 2020 alle 17.30 Jesi, in Via XV Settembre presso la Galleria degli Stucchi di Palazzo Pianetti, per la presentazione del libro “Depistato”.
Quella che state per leggere è una grande bugia di Stato, figlia di una colossale mistificazione che dura da 27 anni. È una storia che nessuno racconta, nè i tg, nè i giornali e neanche i siti web; non se ne parla nei talk show, nelle tribune politiche, nelle commemorazioni ufficiali e neppure nelle fiction televisive, dove i buoni sono buoni, i cattivi sono cattivi e, come nei western di una volta, tutto finisce sempre bene. 

In questa storia anche i buoni si rivelano cattivi. E i cattivi non sono solo i mafiosi che mettono le bombe ma anche gli investigatori che indagano per scoprire i bombaroli e tuttavia, invece di cercare la Verità, si mettono a fabbricare prove false per arrestare le persone sbagliate. (…)  Perché lo fecero? Per smania di carriera o per coprire innominabili interessi superiori? (…)
Questa è anche la storia di un’indagine “abusiva”, affidata del tutto illegalmente, ad appena 24 ore dalla strage, dal Procuratore di Caltanissetta Gianni Tinebra al Sisde di Bruno Contrada (che di lì a pochi mesi finirà in carcere con l’accusa di concorso in associazione mafiosa), di inspiegabili veline dei Servizi che anticipano le acquisizioni investigative, di “barbe finte” e uomini in “giacca e cravatta” che volteggiano come corvi sui corpi dilaniati di via D’Amelio attorno alla Croma blindata a caccia dell’agenda rossa, custode di segreti che minacciavano -e probabilmente minacciano ancora- il cuore dello Stato. (…) Questa infatti è la storia di un’indagine che puntava verso il verminaio deviato dei Servizi Segreti italiani e che, come denuncia Gioacchino Genchi, venne stoppata frettolosa per lasciare campo libero alla trattativa Stato-mafia dei carabinieri di Mari Mori.
Ma quella che state per leggere è soprattutto la storia di un uomo, Paolo Borsellino, ucciso due volte: la prima da una Fiat imbottita di tritolo, la seconda dalla più clamorosa macchinazione di Stato che ha coperto i veri responsabili della sua morte. (…)
Questa è, insomma, la storia di un depistaggio che dopo Piazza Fontana, Brescia e Bologna, conferma la continuità di una collaudata interferenza dei Servizi nelle stragi italiane. (…) La storia italiana dello stragismo è una continua ricerca della verità frustrata da esiti giudiziari parziali o addirittura clamorosamente errati, e di capri espiatori, poveri cristi, sacrificati dalla spietata violenza degli specialisti delle carte a posto.
È un vecchio copione che alla fine si ripete sempre perché funziona a meraviglia. E funzionerà ancora, almeno fino a quando i testimoni istituzionali continueranno a tenere la bocca cucita. E fino a quando tg e giornali continueranno a tacere

E noi non vogliamo tacere! 

Vi aspettiamo.

Le Agende Rosse – gruppo “C. Alberto Dalla Chiesa e E. Setti Carraro” di Ancona e provincia
La coordinatrice-portavoce Alessandra Antonelli 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.