Alessandro Pucci, intervista all'autore de «La forza dei deboli» | Password Magazine
Banner4Baffi

Alessandro Pucci, intervista all’autore de «La forza dei deboli»

JESI – Tra sociologia e filosofia. Sono le coordinate che danno la rotta del viaggio di Alessandro Pucci, autore del libro La forza dei deboli, edito da Le Mezzelane. Alla sua seconda prova letteraria, Pucci non manca di sorprendere per l’acume della riflessione, scandita da una prosa scorrevole ed accessibile. 

Alessandro, di cosa parla questo nuovo saggio?

«Il testo sottopone a dura critica l’ambiguità della forza e del potere, a cui abitualmente vengono attribuiti significati positivi. Parallelamente si argomenta la fragilità, la piccolezza, la debolezza, come tratti caratteristici dell’autenticità. Nei nostri momenti migliori, quando togliamo la corazza, persino ci ristora quel sentirci limitati, semplici, frugali. Una scrittura intensa, guidata dal cuore più che dalla mente».

Come nascono i tuoi libri e quanta importanza ha l’attualità nell’ispirare la tua ricerca?

«Nascono spontanei tramite i ricordi: provengono da vecchie riflessioni, approfondimenti, pensieri di conferenze passate, dialoghi con amici, esperienze. In un certo senso i libri ad un certo punto si scrivono da soli come ritagli, come scarto di un antico discorso, divenuto poi perfetto per un esperimento letterario. L’attualità, a volte, concretizza la maturazione di una stesura che proviene da una lunga gestazione».

copertina_La_Forza_Dei_Deboli_ebook-500×688

Quando nasce il tuo amore per la speculazione filosofica?

«Direi sin da ragazzo; avevo notato che tutti gli educatori, genitori, insegnanti, sacerdoti, mancassero di adeguate risposte ai “perché” dell’esistenza e le informazioni assorbite dal mondo degli adulti fossero insufficienti per venire a capo dei significati del vivere. Poi le ricerche letterarie, la passione teologica, gli autori incontrati direi che hanno fatto il resto».

Sappiamo che non sei un accademico, nella vita ti occupi, professionalmente, d’altro. Quali reazioni noti in coloro che ti incontrano e ti leggono?

«Molte persone sono curiose, alcune sorprese, molte si accorgono del fascino anche inquietante del linguaggio filosofico e ne sono naturalmente attratte. Certo non mancano gli accademici che storcono il naso di fronte ad un autodidatta. Tuttavia la Società Filosofica Italiana, ad esempio, mi ha accolto con stima e simpatia, con una fiducia che è divenuta un grande stimolo per continuare».

Domanda di rito: c’è già un altro libro in preparazione?

«Sto lavorando ad un’opera che si prefigge di cercare di spiegare come ogni cosa appare diversa dalla sua essenza. La distanza tra l’apparire e l’essere non è un problema nuovo ma attraversa la storia del pensiero. Un saggio che si potrebbe collocare all’interno dell’esistenzialismo. In un certo senso è il mio primo testo che si occupi in modo esplicito di filosofia, mentre i primi due (il primo libro di Pucci è Nel cuore del conflitto. N.d.r ) rientrano in una veste più sociologica».

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.