Anna Maria dimessa dall'ospedale militare tra lacrime e applausi | | Password Magazine

Anna Maria dimessa dall’ospedale militare tra lacrime e applausi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tanta emozione e lacrime per Anna Maria, dimessa ieri mattina dall’ospedale militare di Jesi dopo la battaglia contro il covid. La 79enne jesina, prima paziente ad essere accolta nel tendone allestito all’esterno del Carlo Urbani, è tornata a casa dopo una degenza durata più di un mese. Il 13 marzo scorso, infatti, c’era stato il ricovero al reparto covid del nosocomio cittadino, a seguito di una grave polmonite causata dal virus. Poi una quindicina di giorni fa, il trasferimento alla struttura da campo gestita da medici, infermieri e operatori tecnico-sanitari della Brigata Militare San Marco. Erano stati proprio loro, alcuni giorni fa, ad organizzare una piccola ma importante festa di compleanno per Anna Maria, con tanto di regalo. Un biglietto di auguri e una piantina, la stessa che la signora ieri stringeva tra le mani al momento di uscire: «Non mi hanno mai fatto sentire sola – ha detto con le lacrime agli occhi -. Mi hanno accudita e coccolata come una madre fa con un figlio. Una seconda famiglia per me». Mentre lasciava alle spalle la tenda ospedaliera per salire sull’ambulanza che l’avrebbe accompagnata a casa, per Anna Maria applausi e saluti anche dalle finestre del Carlo Urbani: «Un’esperienza incredibile, un momento di festa che non immaginavo – racconta -. Il personale mi diceva: ‘Anna, ci manchi già!’. Che dire…alla vittoria di essere guarita si aggiunge la gioia di aver conosciuto persone tanto meravigliose». Le emozioni non sono finite qua: ad attenderla, a casa, la sua famiglia: la figlia e la nipotina con lo striscione «Ben tornata Nonna!». Gli occhi si bagnano allora di lacrime: «Ho capito cosa significa essere felici – dice -: rivedere le persone che più amo e che mi vogliono bene».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.