Bilancio comunale 2017, PD Jesi: «Le entrate che non entrano»

JESI – «Da parecchio tempo, l’Amministrazione Bacci si continua a lamentare della mancanza di risorse, di tagli dei trasferimenti che non permettono al Comune di fare quelle spese e quei lavori pubblici che vorrebbe. Se questo può essere vero la domanda che di dobbiamo fare è: Il Comune incassa le proprie entrate? A leggere il rendiconto 2017 sembrerebbe che ci sia qualche problema».

Così scrive il PD Jesi in una nota stampa: «Se prendiamo in considerazione il recupero dell’evasione IMU accertata, questa viene riscossa soltanto il 19%, così per l’evasione della Tarsu/Tia/Tasi accertata, che viene riscossa soltanto per il 38,3%. Se poi guardiamo alle sanzioni del codice della strada, delle entrate accertate queste vengono riscosse poco più della metà (54%), contro il 67% dell’anno precedente. E’ chiaro che queste, come altre entrate non pagate, generano un esplosione di crediti da riscuotere (residui attivi), che sono arrivati a ben 25 mln a fine anno e di questi 8 mln riguardano crediti precedenti al 2016, segno che c’è una difficoltà a riscuotere tali somme. Se poi guardiamo alla composizione di questi residui si possono trovare tante voci, ma anche sponsorizzazioni per la notte azzurra o altre iniziative sportive e culturali non pagati, sponsorizzazione per aiuole non riscosse, affitti per attività commerciali non versati, su cui il Comune potrebbe fare qualcosa.

Se a tutto questo aggiungiamo una previsione di alienazione di beni previsti ad inizio 2017 per 4,9 mln, che sono state accertate e riscosse soltanto per 178.822,23 Euro, si capisce bene come ci siano dei problemi di impostazione del bilancio in entrata, che ovviamente si riverbera sulle spese correnti e di investimento.

Ricordiamo infine che questo rendiconto chiude con un conto economico (deputato della parte straordinaria) con un saldo negativo di -1.863.485 Euro, con un pareggio quindi ben lontano dall’essere raggiunto.

Ci auguriamo che l’Amministrazione faccia tesoro di quanto abbiamo rilevato con una politica di bilancio più efficace, in quanto far pagare chi deve non solo è eticamente giusto, ma economicamente serve ad avere le risorse per i servizi e gli investimenti per i cittadini, proprio in un periodo in cui i trasferimenti alle autonomie locali sono in diminuzione, come ricorda ogni volta questa Amministrazione Comunale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*