Banner Aprile IH Victoria

Brillano le luci di Hanukkah a Jesi nell’antico ghetto medievale

Antico ghetto medievale, brillano le luci per Hanukkah ©Vietata la riproduzione

JESI – Brillano per la prima volta a Jesi le Luci di Hanukkah, apparse ieri sera in centro, sotto una pioggia battente, lungo le vie e gli ingressi dell’antico ghetto medievale, localizzato in via Fiorenzuola e dintorni, recentemente scoperto e ancora oggetto di studio e ricerche.

Come rivelato da Giancarlo Maria Goffi e Fabio Galeazzi in “Brevi cenni riguardo agli israeliti nella città di Jesi”, è al civico 4 di tale via che si trova ancora oggi ciò che rimane dell’antica sinagoga medievale.

Hanukkàh, la Festa delle Luci del popolo ebraico, cade il 25° giorno del mese ebraico di Kislev corrispondente quest’anno al tramonto di Martedi 12 Dicembre.

«Il nostro popolo di Israele, gli ebrei, sono un popolo che ricorda la propria storia e non a caso veniamo chiamati popolo del Libro, inteso come Torah ovvero la Bibbia – ci spiega Michael Levi –  Questa festa antica, celebra avvenimenti importanti della storia ebraica, che si svolsero in terra di Israele dal 168 al 165 dell’Era volgare».

Candele sotto il leone jesino. ©Vietata la riproduzione

In quel periodo il Regnante greco Antioco IV Epìfane voleva porre una sede politica del mondo greco a Gerusalemme e trasformare il Tempio d Re Salomone, centro del monoteismo ebraico, in una sede religiosa del paganesimo: «Il Tempio ebraico era il Tempio dell’ umanità aperto ad ogni persona pura e che credesse nel monoteismo – racconta Levi –  Come tutti noi sappiamo e come la storia ci ha tramandato, insorsero contro di lui i Maccabei e i Leviti, con essi, altri ebrei si ribellarono per difendere il monoteismo, la loro terra, e soprattutto la loro libertà. Il termine Hanukkah significa letteralmente inaugurazione infatti dopo la vittoria dei Maccabei, il Tempio fu liberato dagli idoli del paganesimo e fu riconsacrato al culto dell’unico D-o. Fu a suo tempo stabilito che tutti gli ebrei delle generazioni future celebrassero tale ricorrenza per otto giorni tanti quanti durò l’ampolla d’olio che servì ad accendere il lume del Tempio per la sua riconsacrazione».

Sulla base di questa leggenda per otto sere gli ebrei di tutto il mondo accendono sia nelle sinagoghe, sia nelle loro case speciali lampade dette Hannukkiah: «Quando osserviamo i lumi di Hanukkah dobbiamo riflettere sul loro significato ricordando i miracoli che furono fatti ai nostri padri, pregando il D-o di rinnovare tali prodigi anche di questi tempi. E ce n’e’ bisogno – precisa Michael –  La Comunità ebraica di Jesi, come quella di quasi tutte le città italiane ed europee, fu perseguita, discriminata, invidiata ed odiata per secoli. Gli ebrei furono uccisi o espulsi durante quasi tutti i periodi storici della città. Ma c’e’ un miracolo in corso oggi. Viviamo in un periodo in cui vi è sempre più  interesse e curiosità per l’ ebraismo e per la storia del popolo ebraico nella città. Sono felice che le Luci di Hanukkah si riaccendono in questa bellissima città della Val Esina per ricordare gli ebrei che hanno vissuto qui per secoli e che hanno contribuito allo sviluppo della città. Chag Sameach a tutti, che a Luce illumini la Valle Esina portando prosperità e felicità a tutti».

A cura di Chiara Cascio

©Vietata la riproduzione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.