"Corpi e menti", ultima conferenza sulla Grande Guerra | | Password Magazine
Festival Pergolesi

"Corpi e menti", ultima conferenza sulla Grande Guerra

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si chiude giovedì prossimo, con la relazione di Barbara Bracco, una delle più autorevoli studiose di storia politica e culturale, il ciclo di conferenze organizzato dal Comune di Jesi nell’ambito delle manifestazioni per il centenario del primo conflitto mondiale. Durante il suo intervento “Corpi e menti nella Grande Guerra”, previsto alle 18.15 come di consueto presso la Sala Maggiore del Palazzo della Signoria, la Bracco esaminerà il processo di adattamento di milioni di uomini alla realtà della Grande Guerra, una guerra radicalmente nuova, un conflitto tecnologico di massa, che produsse mutamenti profondi sul piano politico, economico, sociale, culturale, come pure sul piano delle coscienze individuali. La sensibilità e il mondo interno di coloro che all’esperienza bellica parteciparono direttamente vennero scardinati. Costretto per la prima volta dal predominio della tecnologia a una guerra prolungata e statica, chiuso nelle trincee, il soldato vide frantumarsi la propria identità in una disgregazione destinata ad avere pesanti ripercussioni nel dopoguerra. Allo stesso tempo, ciò che milioni di uomini sperimentarono tra il 1914 e il 1918 e in Italia tra il 1915 e il 1918 non fu solo la guerra, ma il mondo moderno: un mondo pienamente pervaso dall’industrialismo e dai principi di efficienza e standardizzazione, in cui lo Stato si insediava capillarmente nella vita privata e nell’interiorità di ciascuno.

Barbara Bracco, professore associato presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca, da anni dedica i suoi principali interessi di ricerca alla storia politica e culturale e in particolare alla politica estera italiana, alla storiografia, ai sistemi propagandistici, alle rappresentazioni delle identità nazionali e ai processi di costruzione della memoria collettiva.

Prossima alla conclusione anche la rassegna cinematografica: giovedì 28, si terrà alle 21,15 l’ultimo appuntamento della rassegna su cinema e Grande Guerra al teatro “Il Piccolo” della Parrocchia di San Giuseppe con la proiezione di quello che è ritenuto il miglior film d’autore sul primo conflitto mondiale: “Orizzonti di gloria” di Stanley Kubrick.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.