Giretto d'Italia, una pedalata speciale

JESI – Jesi tra le 21 le città italiane che il 17 e il 18 settembre si sfideranno a colpi di pedale per dimostrare che un’altra mobilità è possibile. E’ il Giretto d’Italia e a vincerlo sarà chi riuscirà a convincere più persone ad andare al lavoro e a scuola in bicicletta.

L’iniziativa di Legambiente e VeloLove, in collaborazione con Euromobility e Comune di Jesi  è una delle iniziative programmate per la Settimana Europea della Mobilità di settembre 2015 (Mobility Week).

Stamattina per due ore, tra le 7.00 e le 9.00, del mattino sono stati organizzati i conteggi delle bici dei lavoratori in transito.

I check-point erano 4 e sono stati posizionati:  all’Arco Clementino, all’incrocio tra Viale della Vittoria e Viale del Lavoro, alla rotatoria dell’Esagono e di Viale Verdi.

Vincerà la sfida la città che totalizzerà, nel periodo di monitoraggio, il maggior numero di spostamenti, e quindi di passaggi, di biciclette.

“Quando si parla di biciclette e mobilità sostenibile si stimolano due correnti di pensiero: quella di chi non ne vuole sentire parlare per niente, polemizzando sul fatto che tanto le strade sono malconce, e quella di chi è entusiasta che finalmente vi siano state scelte in questa direzione ed anzi insiste affinché vengano maggiormente sostenute – dichiara il sindaco di Jesi Massimo Bacci – Ognuno ha le sue opinioni, ma personalmente apprezzo davvero molto che Legambiente, per la prima volta, abbia individuato Jesi tra le 20 città italiane meritevoli di essere prese a modello sul tema della bicicletta.Un modo originale e divertente per ricordarci che un’altra mobilità più salutare, più ecologica e più bella è davvero possibile”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.