Infinito200, il progetto della jesina Maddalena Santacroce adottato da una famosa APP

JESI – Se ne aveste la possibilità, cosa direste a Renzo e Lucia, oppure a don Abbondio o al padre Cristoforo? Uno sfizio che qualcuno si è tolto, grazie ad una “app” dedicata alla letteratura. Si tratta di Betwyll, nata come start up nel 2016, grazie all’associazione culturale Twitteratura, a sua volta sorta nel 2013 dall’intuizione del trio composto da Pierluigi Vaccaneo, Edoardo Montenegro e Paolo Costa. Segnalata dalla Comunità Europea come best practise per la lettura in ambiente digitale e inserita dal MIUR nel curriculum di educazione digitale “generazioni connesse”, oggi Betwyll vanta 12mila utenti ed è seguita da oltre 600 scuole in tutta Italia, senza contare gli studenti, ma anche i semplici amanti della letteratura, delle innovazioni e, non ultimi, degli insegnanti.

Ed è proprio una docente jesina, col pallino per Leopardi e Pavese, la protagonista dell’iniziativa #Infinito200, in partenza dall’1 al 18 aprile: «In occasione dei 200 anni dall’Infinito, ho proposto un progetto di social reading tra poesia, prosa e pittura – spiega Maddalena Santacroce, insegnate di italiano e latino al liceo Carlo Rinaldini di Ancona – che si articolerà in tre tappe: le prime due dedicate ad una selezione di scritti leopardiani, in versi e in prosa, e una terza aperta ad una riflessione per immagini». Tutte le opere saranno pubblicate sulla app di Betwyll, dando il via ad una sorta di gioco, basato sulla lettura dei testi, secondo il metodo di Twletteratura, sulla possibilità di commentarli e di interagire, mediante brevi messaggi.

«Il primo progetto, del 2012 – ci dice Vaccaneo, co-fondatore e amministratore delegato della startup Betwyll – fu dedicato a La luna e i falò, assieme alla fondazione Cesare Pavese; ad oggi abbiamo più di 60 libri letti e commentati, in italiano, inglese, gallese, francese e occitano, in Italia e all’estero». Un modo certamente virtuoso di cavalcare le onde della rete: «È un ambiente sano e protetto – spiega la professoressa Santacroce – senza rumore di fondo, dove lo studente può interagire sul piano didattico–letterario. Ed è anche un modo proficuo per accostare, in maniera divertente, i giovani al processo della lettura condivisa». Controindicazioni? Parrebbero esservi solo rispetto al divampare potente di uno smisurato amore per la letteratura: «Nel corso del progetto dedicato a I promessi sposi – racconta Vaccaneo – alcuni partecipanti hanno interpretato i personaggi del libro ed i ragazzi hanno potuto così confrontarsi con Manzoni, Renzo, Lucia, Agnese, Azzeccagarbugli e il padre Cristoforo. A quest’ultimo, molti lettori mandavano in messaggio privato le loro “confessioni”. Alcune di quelle più divertenti e simpatiche sono state lette al Salone del libro 2014 e nel corso di un evento organizzato per la presentazione del progetto a tutte le scuole partecipanti. Al Salone, arrivarono più di 500 ragazzi da tutta Italia». Per info www.twletteratura.org

 

di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*