Banner Aprile IH Victoria

Jesi, la città invoca San Floriano contro la pandemia

JESI – Ovviamente è solo una nostra ipotesi. Certo è che quel vessillo di San Floriano apparso nel vicolo a lui dedicato, steso su uno stendibiancheria, appena fuori le mura, e ben visibile arrivando da costa del Montirozzo, fa pensare a un’invocazione al Patrono, quasi a richiamarne la protezione sulla città in questo periodo di lotta alla pandemia. L’iniziativa è certamente di qualche privato cittadino, se non addirittura di un residente del quartiere: né il Comune, né la Diocesi né l’Ente Palio San Floriano, l’associazione organizzatrice della rievocazione storica cittadina, sembra infatti sapere nulla di questa iniziativa.
San Floriano, si sa, era venerato dagli jesini sin dai tempi più antichi, quale simbolo «della forza della città e del suo ardore combattivo», per citare Costantino Urieli , «per cui era stato riconosciuto e proclamato patrono della comunità civica jesina». Il culto del santo si è poi storicamente legato alla tradizione del Palio. E chissà che qualcuno, appendendo questo vessillo sulla strada, non abbia voluto fare proprio appello ai quei valori di tenacia e coraggio già dimostrati nel suo glorioso passato. Una preghiera e una richiesta di protezione, insomma, al Santo Patrono affinché vegli anche stavolta sulla sua Jesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.