La storia di Jesi nell'archivio storico della Fondazione Cassa di Risparmio | | Password Magazine

La storia di Jesi nell’archivio storico della Fondazione Cassa di Risparmio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Recuperato e inventariato l’archivio della Cassa di Risparmio di Jesi. Documenti che testimoniano sia l’attività finanziaria di sostegno ai privati e alle imprese, sia l’attività di promozione culturale, assistenza e beneficenza, consentendo di far luce tanto sulle vicende istituzionali quanto sulla realtà sociale della città. Questo patrimonio di
grande interesse per tutta la città è stato presentato ieri pomeriggio: materiale che in parte era custodito al Seminario è stato oggetto del lavoro dell’archivista Arianna Franceschini. L’archivio raccoglie la documentazione prodotta dalla Cassa di risparmio di Jesi, istituita con Rescritto Pontificio del 27 maggio 1844, ma risale fino al 1825.

Tra le carte giunte fino a noi c’è il piccolo nucleo di documenti relativi agli asili d’infanzia, finanziati e poi gestiti dalla Cassa fino alla fine degli anni Trenta del Novecento. In Archivio possono essere consultati i disegni dei bambini, la corrispondenza delle maestre, le fotografie, i registri scolastici. L’Archivio ha una consistenza di 140 metri e conserva le serie dei libri contabili, i registri delle deliberazioni del Consiglio di amministrazione, i carteggi del Presidente e del Direttore generale, i fascicoli del contenzioso e un piccolo nucleo di materiale fotografico; vi sono conservati inoltre alcuni documenti appartenenti alle casse di risparmio acquisite nel corso del tempo. L’Archivio, in corso di ordinamento e inventariazione, è consultabile previo appuntamento. Per informazioni: info@fondazionecrj.it.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.