Meningite, richieste di vaccino in aumento ma i casi sono in calo. Presidi in tilt | | Password Magazine
Lulù  

Meningite, richieste di vaccino in aumento ma i casi sono in calo. Presidi in tilt

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La malattia è mortale e fa paura. Tuttavia, l’allarmismo dilagante di questi giorni sarebbe, secondo quanto riportato da una nota del ministero della Salute, “ingiustificato”.

Per quanto riguarda il meningococco di tipo C, il più letale, le cifre – si legge nella nota – dicono che ha causato 36 decessi negli ultimi quattro anni, in una popolazione di quasi 65 milioni di persone. Considerando tutti i ceppi di meningococco che danno la meningite, non si supera il 10% della letalità, anche in questo caso con 711 casi nel quadriennio e 77 decessi registrati complessivamente (17 nel 2016).
In Italia, sono 178 i casi di meningite da meningococco segnalati nel 2016, con un’incidenza “in lieve aumento rispetto al triennio 2012-14, ma in diminuzione rispetto al 2015. Ciò è dovuto alla presenza in Toscana di una trasmissione più elevata che nel resto d’Italia, dove” invece “la situazione è costante, soprattutto per quanto riguarda l’infezione da meningococco di tipo C negli adulti, già notata nel corso del 2014″. Lo sottolinea il ministero della Salute, sottolineando che “al momento non esiste alcuna situazione epidemica, la circolazione dei germi che causano la malattia è nella norma attesa in linea coi numeri degli ultimi anni”.
Tuttavia, nonostante le rassicurazioni delle autorità sanitarie,  nelle Marche, così come nelle altre regioni italiane, cresce la psicosi collettiva, complice il clamore mediatico intorno ai casi di meningite registrati sul territorio nazionale in questi ultimi tempi.
E’ in aumento quindi la richiesta per il vaccino antimeningococcico da parte della popolazione non coinvolta nell’offerta vaccinale gratuita.  Richieste che non corrispondono ad un reale incremento dei casi di meningite meningococcica nella nostra regione, dove, al contrario si è registrato un numero inferiore di casi di meningite meningococcica negli ultimi anni. A confermarlo è il servizio Sanità pubblica della Regione Marche:  “Ogni anno nelle Marche vengono registrati, nel sistema informativo, da 0 ad 8 casi di meningite da meningococco; nel 2016 ne sono stati registrati 6. Nei sei anni (2000–2006) precedenti l’avvio della offerta vaccinale ai nuovi nati, sono stati registrati complessivamente 30 casi di meningite da meningococco. Negli ultimi 6 anni (2010-2016) i casi complessivi sono stati 19, con una riduzione del 40%, anche grazie alle vaccinazioni che vengono offerte attivamente e gratuitamente a tutti i bambini”.

A Jesi, anche l’ambulatorio preposto presso la sede Asur di via Guerri è quotidianamente preso d’assalto con decine e decine di persone – tra adulti e bambini –  in coda per ore anche solo per avere informazioni.

Tuttavia, l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione antimeningococco C  è disponibile gratuitamente soltanto per le classi di età a rischio (per i nuovi nati con estensione dell’offerta gratuita fino ai nati nell’anno 1997), per i pazienti a rischio per patologie specifiche (emoglobinopatie, immunodepressioni congenite o acquisite, asplenia, diabete mellito tipo I, insufficienza renale, epatiti croniche, etc).

“In questi giorni agli adulti per cui le vaccinazioni antimeningococciche non sono previste né raccomandate, la Regione Marche offre comunque la possibilità di accedere alle vaccinazioni con la formula del co-pagamento –  informa il servizio Sanità pubblica della Regione Marche  – il costo del vaccino, a carico del cittadino, è pari al prezzo di acquisto sostenuto dall’ASUR. Inoltre, vista la anomala e imprevista richiesta di vaccinazioni,  per evitare lunghe attese ai cittadini e per organizzare al meglio il lavoro degli operatori, si ricorda che i cittadini possono prenotare utilizzando il numero di telefono dei servizi vaccinali di riferimento della provincia di appartenenza”.

Dunque, tutte le vaccinazioni ritenute non prioritarie né raccomandate saranno effettuate su prenotazione.
Stamattina, la Direzione Sanitaria dell’ASUR ha espresso indicazioni per organizzare attività vaccinali aggiuntive al fine di rispondere all’incremento di richiesta da parte della popolazione.

I Dipartimenti di Prevenzione dell’ASUR, già attivi per garantire le priorità previste dal Piano Regionale Vaccini, hanno organizzato una risposta programmata anche per le vaccinazioni in co-pagamento.

Per ogni informazione necessaria i cittadini possono rivolgersi alle sedi vaccinali diffuse nelle Aree Vaste della nostra regione, ai Medici di Medicina Generale e ai Pediatri di libera scelta.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.