Le Marche, museo diffuso dell'opera di Lorenzo Lotto | Password Magazine
Festival Pergolesi

Le Marche, museo diffuso dell'opera di Lorenzo Lotto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Presentato in Regione il nuovo sito web www.lorenzolottomarche.it

Un sito web specificatamente dedicato a Lorenzo Lotto nelle Marche: è nato grazie alla collaborazione tra le città marchigiane che conservano le opere del genio rinascimentale ed enti pubblici e privati. Un’idea nata sulla scia della mostra romana alle Scuderie del Quirinale dedicata a Lorenzo Lotto – è stato specificato questa mattina in conferenza stampa di presentazione – e di eventi ad essa collegati, come il progetto di valorizzazione Terre di Lotto e il precedente convegno internazionale di studi organizzato in occasione del 450° anniversario della morte del grande artista veneziano.

Promosso dal Comune di Jesi, il sito www.lorenzolottomarche.it unisce le località lottesche della regione – Ancona, Cingoli, Loreto, Mogliano, Monte San Giusto, Recanati, Urbino – la Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici delle Marche, la Delegazione Pontificia per il Santuario della Santa Casa di Loreto e due soggetti privati: Lions Club di Jesi e Banca Popolare di Ancona che ha finanziato il progetto.

“Il sito nasce nel momento in cui la Regione Marche si avvia a concludere il piano di attività previste con il progetto nazionale Terre di Lotto” ha detto l’assessore regionale alla Cultura, Pietro Marcolini, finanziato dagli assessorati alla Cultura e al Turismo: la realizzazione delle indagini diagnostiche su tutte le opere marchigiane dell’artista, il conseguente piano dei restauri tra cui il monumentale Polittico di S. Domenico e la Trasfigurazione di Recanati, la pubblicazione del volume scientifico Lotto nelle Marche e di materiali promozionali bilingue, l’illuminazione permanente delle pale di Lorenzo Lotto (Assunta di Ancona, Assunta di Mogliano, Crocifissione di Monte S. Giusto, S. Domenico di Recanati e la Madonna del Rosario di Cingoli). “Un’operazione che ha valore in sé, nel salvaguardare la ricchezza culturale del territorio e nel contribuire a rendere cultura e turismo poli di resistenza alla crisi” ha rimarcato l’assessore Marcolini. 

Le Marche, con i ventiquattro capolavori distribuiti su otto città,  si collocano a pieno titolo tra i luoghi lotteschi di immediato interesse per vastità e preminenza artistica dei documenti che il pittore ha lasciato. Queste opere ancora oggi sono collocate, per la maggior parte, negli stessi luoghi per cui furono realizzate. “Siamo un vero e proprio museo diffuso dell’opera del Lotto – ha aggiunto Marcolini – Questo sito rappresenta dunque un validissimo strumento di comunicazione e approfondimento, utile a promuovere il territorio attraverso la valorizzazione del legame tra il pittore veneto, che si fece oblato della Santa Casa di Loreto e qui morì, e la nostra regione”.

In conferenza stampa – nel corso della quale sono intervenuti il promotore dell’iniziativa, Luca Butini, Assessore alla Cultura del Comune di Jesi; Corrado Mariotti, Presidente della Banca Popolare di Ancona e Luca Cipolat, Presidente del Lions Club di Jesi – è stato illustrato il sito che contiene diverse sezioni utili per approfondire l’opera del Lotto e la sua vicenda umana e artistica, con un ricco apparato di immagini sulla sua produzione marchigiana.

Il sito propone inoltre il repertorio bibliografico, le proposte di didattica museale dedicate a Lorenzo Lotto elaborate dagli istituti culturali marchigiani, l’archivio delle foto scaricabili in alta definizione e indicazioni di carattere turistico sulle località lottesche.

Comunicato da: Regione Marche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.