L'avvocato risponde

Gentile Avvocato, avrei bisogno di avere un chiarimento su un incidente in cui è stato coinvolto mio figlio; era trasportato su di un motorino da un amico quando quest’ultimo ha perso il controllo finendo in terra. Mio figlio ha riportato danni seri che l’Avvocato cui ci eravamo rivolti aveva garantito sarebbero stati risarciti dall’assicurazione e per cui ho speso molto, ma così non è stato e non mi è stata fornita alcuna spiegazione. Le sarei grata se lo facesse lei. Grazie.

Gentile signora, sinceramente le sue scarne indicazioni non mi consentono di fornirLe una risposta certa, tuttavia posso presumere che una delle motivazioni per cui l’assicurazione si è rifiutata di risarcire sia il sopravvenuto orientamento giurisprudenziale per cui – presumendo che per “motorino” Lei intenda un ciclomotore 50 cc. – la risarcibilità del terzo trasportato contra legem (e, cioè, contrariamente a quanto prescritto dalla legge, su ciclomotore non omologato al trasporto di altri passeggeri oltre al conducente) viene esclusa ritenendo che il terzo trasportato (rimasto danneggiato) abbia colpevolmente contribuito alla circolazione del veicolo in condizioni di illegittimità e, per ciò stesso, non gli si debba offrire la possibilità di “rimediare” alle conseguenze dannose derivanti dalla propria condotta.

Il Collega che Vi ha assistito tuttavia – come sono certa Vi avrà spiegato egli stesso!!! – non poteva in alcun modo prevedere che, in tempi successivi al proprio intervento legale in Vs. favore, si sarebbe verificata una così decisa “inversione di tendenza” da parte della giurisprudenza; in precedenza infatti – e secondo l’attuale orientamento per così dire tradizionale – il danno subìto dal trasportato contra legem doveva comunque essere risarcito dall’assicuratore del vettore, ferma restando l’esperibilità del diritto di rivalsa ex art. 18, comma 2, legge 990/1969 (e, cioè, il diritto dell’assicurazione di rivalersi poi sul proprio assicurato per il rimborso di quanto dovuto risarcire al trasportato).

Egregio avvocato, mi è stata offerta da un amico la possibilità di acquistare ad un prezzo vantaggiosissimo beni oggetto di eredità, ma io non so che fare e, soprattutto, ho molti dubbi circa l’efficacia di una simile vendita. Mi dispiacerebbe però perdere l’affare. Come mi devo regolare?

Egregio lettore, sinceramente l’istituto della vendita dell’eredità (disciplinato dagli artt. 1542, 1543, 1544, 1545, 1546 e 1547 del Codice Civile) presenta non poche problematiche (non da ultimo il rischio – qualora l’asse ereditario appartenga a più persone – del venir meno del bene ereditato per effetto del cosiddetto “retratto successorio” con ovvie conseguenze pregiudizievoli nei confronti dell’acquirente) che di certo non possono essere specificamente ed esaustivamente affrontate in questa sede; appare tuttavia opportuno rappresentarLe che l’art. 1543 c.c. richiede a pena di nullità la forma scritta per la cessione, sia che essa riguardi beni immobili, sia che riguardi beni mobili; è poi da tenere nella debita considerazione, fra gli altri, l’art. 1546 c.c. che dispone che il compratore, salvo patto contrario, è obbligato in solido con il venditore a pagare i debiti ereditari!!!!

Le consiglio pertanto di farsi assistere da un Legale nella valutazione ed eventuale acquisto dell’eredità del Suo amico, anche e soprattutto affinchè l’operazione si riveli effettivamente vantaggiosa.

                                                                                       Avv. Monica Checchini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*