Manca il bus per figlia disabile, il Comune: “Servizi sempre garantiti. In futuro, anche scuolabus attrezzato”

CASTELBELLINO – In relazione all’articolo di stampa apparso sul  Corriere Adriatico di mercoledì 5 ottobre, dal titolo “L’odissea di una figlia disabile lasciata senza bus per la scuola”, ed all’articolo del giorno seguente, l’Amministrazione Comunale intende precisare e definire in maniera corretta e veritiera che il Comune di Castelbellino si è sempre adoperato per consentire ogni servizio di trasporto scolastico o sociale a favore di portatori di handicap, minori o adulti, sempre con un percorso di cooperazione tra istituzione e famiglia e sempre con l’accoglimento e la soddisfazione delle famiglie servite. “Persino andando ben oltre gli obblighi istituzionali e mettendo a disposizione, a spese della Comunità, servizi non obbligatori come l’accompagnamento in gite scolastiche ed extrascolastiche e l’accesso a centri sociali di vario genere – si legge in una nota stampa inviata dall’Amministrazione – Tra le altre cose, il Comune di Castelbellino è l’Ente che ha la spesa storica pro capite per il sostegno  all’handicap più alta dei ventuno Comuni dell’ambito sociale, e tutto ciò manifesta un grado di attenzione alla problematica molto alto e diffuso. L’incontro, che era già stato fissato dal Sindaco per mercoledì u.s., prima ed indipendentemente dalle pressioni tentate con il coinvolgimento della stampa, si è concluso con l’accettazione completa e sottoscritta da parte della famiglia del servizio così come è stato sempre fornito fin dai primi giorni di scuola”.

Il Comune di Castelbellino fa sapere di non disporre – esattamente come undici Comuni su dodici dell’area Cis, e una quarantina su quarantasette comuni della Provincia –  di un mezzo di trasporto scolastico adatto al trasporto di handicap grave. Ma da sempre, rivolgendosi a servizi privati o di ambito sociale, ha garantito il trasporto facendosi carico dei costi. “Per la tipologia di servizio in oggetto – ancora dalla nota –  il Comune di Castelbellino ha messo a disposizione un servizio di trasporto scolastico per handicap esattamente così come è prescritto dalla legge che lo regola, anzi, tanti Comuni in Italia sono stati intimati dalla Corte Costituzionale a garantire un servizio come quello fornito dal Comune di Castelbellino: cioè un servizio dal carattere individuale, quotidianamente garantito, con un mezzo all’uopo attrezzato, con un assistente oltre all’autista del mezzo.Il tutto fornito in maniera gratuita. Esattamente ciò che il Comune aveva concordato con la famiglia prima dell’inizio della scuola, accettato in quanto conforme alla legge che lo regola, seppur nella insoddisfazione della famiglia stessa, che richiedeva uno scuolabus attrezzato. Il servizio è stato svolto in collaborazione con l’Auser della Media Vallesina”.

La settimana scorsa, la mamma della bambina solleva la necessità di far fronte, durante il trasporto, a possibili esigenze sanitarie della minore ed affronta in strada i volontari dell’Auser che espletano il servizio chiedendo loro di firmare una dichiarazione di assunzione di responsabilità in merito a eventuali interventi sanitari richiesti in caso di bisogno, configurandosi appunto come un servizio sanitario e quindi non più associabile né al trasporto scolastico né ai servizi istituzionalmente riconosciuti ai Comuni ed affidati esclusivamente a personale sanitario o del 118. I volontari, sentita l’Auser, si rifiutano di firmare una assunzione di responsabilità che non compete loro e la famiglia si rifiuta di far salire la bambina sul mezzo. “Ringraziamo l’Auser e gli operatori della stessa associazione che hanno messo, e metteranno, il loro tempo a disposizione volontariamente per fornire un servizio di civiltà di cui la Comunità tutta deve farsi carico – dichiara l’Amministrazione comunale di Castelbellino – Il resto è storia di ieri: la famiglia, alla presenza del suo avvocato, controfirma il verbale dell’incontro con il quale accetta le condizioni di trasporto scolastico esattamente così come è stato fornito fin dai primi giorni di scuola, con la prescrizione per i volontari di avvisare subito il 118 e la famiglia stessa in caso di bisogno, con in più l’impegno del Comune a farsi carico del trasporto della bambina anche in caso di uscite didattiche, impegno peraltro che il Comune onora da anni”.

Conclusioni: “Alla luce di quanto accaduto, riconosciuto e concordato, il Comune di Castelbellino si aspetta quantomeno il consequenziale ritiro degli esposti per interruzione di pubblico servizio. Il Comune di Castelbellino è infatti incredulo, nei confronti di quanto è stato fatto e scritto, in quanto, trattandosi di un servizio di civiltà per l’handicap ed in generale per tutte le persone svantaggiate, onora da sempre, anche oltre gli obblighi di legge e coinvolgendo volontari e cittadini nei propri doveri di assistenza e continuerà a farsi carico di questo e degli altri casi di handicap, facendo il massimo che le è consentito così come ha sempre fatto. In quest’ottica, il Comune, tenendo necessariamente conto di vincoli normativi e di bilancio, si pone come obiettivo l’acquisizione futura di uno scuolabus attrezzato, che risponda ad una esigenza di civiltà dell’intera Comunità”.

Comune di Castelbellino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*