Moie, commercianti in protesta con luci accese: consegnate le chiavi al sindaco | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Moie, commercianti in protesta con luci accese: consegnate le chiavi al sindaco

MOIE – Sono stati ben 44 gli esercizi commerciali del territorio di Maiolati Spontini che hanno aderito, nella serata di ieri (martedì 28 aprile), al gesto di riconsegna simbolica delle chiavi, di fronte alle vetrine dei loro negozi illuminate. Commercianti – non solo bar e ristoranti ma anche negozi e attività produttive locali, comprese quelle già aperte per Decreto –  uniti nel neonato movimento «Imprese ed ospitalità», che hanno manifestato al sindaco Tiziano Consoli la preoccupazione per «due mesi di fermo senza vedere una luce in fondo al tunnel».

Il primo cittadino ha testimoniato loro vicinanza e solidarietà, annunciando di farsi promotore delle loro istanze presso le autorità competenti. «Il movimento imprese ed ospitalità, nato in poche ore, rappresenta – sottolinea Consoli – la voglia delle imprese e degli esercizi commerciali di dar voce ad una protesta seria e rispettosa delle regole rispetto alla caotica, incerta e contraddittoria fase 2 che io definirei fase 1,5. Sono vicino a tutti gli esercizi commerciali e alle imprese del territorio di Maiolati Spontini in questa dura fase che non rappresenta per loro una ripartenza ma un ulteriore blocco di un altro mese. Di fronte alle decisioni del Governo, la riconsegna delle chiavi delle imprese e aziende commerciali potrebbe rappresentare per molti di loro la chiusura definitiva delle attività. Fatto che potrà essere possibile se il Governo non rivedrà le proprie decisioni».

Hanno aderito: La Dolce Vita di Marco Cascia, Parrucchieri GClub, Interflora di Alessandra Scortichini, L’Altra Moda, Cartoleria Nuovi Orizzonti, Clementina, Lavanderia Fabbretti Marta, Sanitaria del Centro, Caffè Janus, Centro Estetico Vanity,  Gioielleria Santarelli, Caffè Morazzini, Cafè Manu, Calzature Giacomo Cascia, Benesserestetica Rossana, Il papiro Cartolibreria, L’Essenziale Erboristeria, Effemme Agenzia Immobiliare, Sapori Perduti, Fashion Parrucchieri, Delizie Alimentari, Novembrini macelleria e salumeria, pasta fresca rosticceria Meloni Marilena, Parrucchiera Marisa, Falegnameria Cecchetti, Dottori Moda, Ottica Centrale, Baby Doll, Peperino, Fiordaliso, L’Angolo della Lana, Eleonora estetica e benessere, TadElia, Parrucchiera Raffaella Latini, Silga Pneus, Lady Green, Studio Gamma, Agenzia immobiliare Cesari, Ferramenta Mazzarini e Ecoenergy 04, Bar Sister, il Capriccio Moda, Vallesina Autoservizi, Museika.

«Mi farò promotore per il mio Comune – fa sapere il sindaco – presso gli organi istituzionali superiori per richiedere alla Presidenza del Consiglio dei ministri, così pure al presidente della Regione Marche, la proroga della cassa integrazione per i dipendenti, dei contributi a fondo perduto per gli affitti e la sospensione dal pagamento delle utenze per l’intera durata del Covid. Non si può lasciare sola l’Italia che produce e che rappresenta il motore economico del nostro tessuto sociale. Sarebbe stato logico attuare con pacata gradualità delle misure per una riapertura in sicurezza degli esercizi commerciali che dovranno subire ulteriori 20/30 giorni di chiusura. Molti annunci televisivi e mai una proposta certa e chiara che fosse andata moderatamente a favore delle imprese, dei lavoratori autonomi e delle attività commerciali. I virologi oramai si sono sostituti alla politica. Solo che in Italia evidentemente saranno più bravi rispetto ai loro colleghi inglesi, tedeschi, francesi, anglosassoni e americani. Per aspera ad astra».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.