Parcheggi al Carlo Urbani, impegno a tre

JESI – Il problema della sosta al Carlo Urbani è sicuramente al centro dell’attenzione dell’Amministrazione comunale che – pur non avendo alcuna titolarità diretta al riguardo, a differenza di quanto sostiene il Tribunale del Malato – sta responsabilmente affrontando la questione con gli altri due soggetti coinvolti: da una parte l’Asur quale unica proprietaria e titolare esclusiva della gestione interna del parcheggio e dall’altra Conerobus per concordare un servizio di trasporto pubblico locale che possa disincentivare l’uso dell’auto. Fermo restando che i posti attorno al Carlo Urbani di proprietà dell’Asur sono in numero di 600, vale a dire 10 volte in più rispetto a quelli che vi erano nell’area di proprietà Asur dell’ospedale di viale della Vittoria, l’Amministrazione comunale comprende perfettamente le problematiche presenti e pertanto formalizzerà quanto già auspicato nel corso di precedenti incontri con i tecnici della stessa Asur: vale a dire che una parte dei parcheggi sia riservata a pazienti e parenti, in un numero pari all’utenza media giornaliera.
Allo stesso tempo proverà ad incentivare, anche con una migliore segnaletica, il parcheggio di via Einaudi, dietro il bocciodromo, a circa 200 metri dall’ingresso del Carlo Urbani, che è regolarmente libero e che potrà così essere puntualmente utilizzato sia dai dipendenti, sia da quanti debbono recarsi in ospedale senza particolari difficoltà di deambulazione. È inoltre in fase avanzata – e domani è previsto un ulteriore incontro – la condivisione di un miglior servizio di trasporto pubblico con Conerobus, così da ottimizzare il numero delle corse ed i relativi collegamenti con le varie parti della città.
Di certo vi è da parte di tutti l’impegno ad individuare le migliori soluzioni possibili, in uno spirito di piena collaborazione e di unità di intenti per garantire ai cittadini, siano essi pazienti, siano essi parenti di degenti, di avere la possibilità di accedere agevolmente al nuovo ospedale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*