Piscine chiuse da mesi, Santoni (Team Marche): «Serve un progetto per il settore» | Password Magazine

Piscine chiuse da mesi, Santoni (Team Marche): «Serve un progetto per il settore»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il presidente della Team Marche Mirko Santoni

JESI – «Servono idee chiare e un progetto per le piscine». A parlare è Mirko Santoni, presidente della Team Marche la società che gestisce i tre impianti di Jesi, Osimo e Moie con un centinaio di dipendenti tra amministrativi, tecnici e istruttori. Chiuso l’impianto jesino intitolato a «Maria Grazia Bocchini», che a settembre aveva inaugurato i nuovi spazi e vasche dopo i lavori di restyling, la Team Marche ha ridotto l’attività agli impianti di Osimo e Moie ma solo per gli agonisti, così come è consentito dalla normativa.  «Tutto questo è inaccettabile – spiega Santoni -, soprattutto dopo aver investito risorse per adeguare le strutture ai protocolli di sicurezza. Ad ottobre il premier aveva inviato controlli nel settore, sono arrivati anche da noi i NAS ed eravamo risultati conformi. Dopo una settimana il Governo ha disposto la chiusura delle piscine». L’ultimo Dpcm resterà in vigore fino al 5 marzo e, a meno che non scatti la zona bianca, non è prevista riapertura: «Non è possibile che dopo un anno di covid non siano state trovate ancora soluzioni per farci tornare a lavoro – aggiunge Santoni -, si naviga a vista». La Team Marche aveva triplicato il numero delle docce, spazi e box, tutto era ben organizzato negli impianti sportivi per permettere alle persone di svolgere le attività in sicurezza: anche il numero delle persone che potevano nuotare in una corsia era stato ridotto per consentire il distanziamento.

Mirko Santoni
Il presidente della Team Marche Mirko Santoni

«Degli oltre 3 mila iscritti, attualmente stanno frequentando le piscine poche centinaia di agonisti, divisi tra le piscine di Osimo e Moie con Jesi che resta chiusa – spiega Santoni -. Fossimo stati aperti, avremmo avuto la possibilità di impiegare i dipendenti in cassa integrazione (che ricevono giusto un sussidio) e offrire un servizio pubblico. I ristori sono insufficienti a coprire i costi di manutenzione degli impianti. Con i Comuni di Jesi e Maiolati stiamo dialogando per un supporto in questo periodo di grande difficoltà per il settore».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.